mercoledì 19 agosto 2015

Le recensioni di Elisa: Due geni, Pirandello e la legge - Antonio Scotto di Carlo


Titolo: Due geni, Pirandello e la legge
Autore: Antonio Scotto di Carlo
Prezzo: 9, 90 €
Casa editrice: youcanprint
Trama: In una società in cui sono quelli capaci di mentire ad andare avanti, in una società strutturata su un sistema che avvantaggia tali furbacchioni, in questa società dove chi critica il sistema spesso ci sguazza anche, la tanto invocata Verità ha veramente qualche potere? Il giovane Liberto è protagonista di un incidente stradale senza gravi conseguenze, ma lui e il suo amico Giosuè finiscono negli ingranaggi della Giustizia. Riusciranno i due sempliciotti a districarsi fra gli ambigui grovigli dei Codici? Dulcis in fundo, un racconto breve sulla 'tenacia' dei sognatori: "La Parabola del Coglione".

La recensione:


Antonio Scotto ha scritto storie differenti tra loro, mostrando di sapersi destreggiare bene nel suo lavoro. Iniziando da Beethoven, passando per Jenny e altri personaggi, ci ritroviamo in fine davanti alla Legge.
Il libro è strutturato in due storie brevi ma concise, scorrevoli, divertenti e leggere.
Nel primo racconto l'autore ci mostra la realtà attraverso gli occhi di Libe e Giosuè, due ragazzi "ingenui" per il mondo di adesso.
Liberto ha avuto un incidente stradale senza conseguenze serie ma tra una cosa e un'altra si ritrovano in tribunale tra giudice, leggi e avvocati. Tra i truffatori e i corrotti che popolano questo mondo, Liberto e l'amico proveranno a uscire da una causa molto più aggrovigliata di quello che veramente è l'accaduto. Diventeranno addirittura bugiardi pur di far valere la verità – e questo ancora Libe non se lo spiega -.
Semplice, divertente e incredibile (qua entra in gioco il Pirandello nominato nel titolo), l'opera di Antonio Scotto ci mostra due ragazzi semplici e sinceri che ormai si fatica a trovare.
La seconda storia invece, La parabola del Coglione, ci mostra il lato personale dello scrittore. Non parliamo più dei suoi personaggi ma di lui, di me, di chiunque altro abbia sogni e speranze. Ci mostra come sia tortuosa la strada per raggiungere i propri desideri senza mai arrendersi. Brevemente l'autore ci parla della sua esperienza come scrittore, battendosi il sentiero da solo, senza editori, solo con l'ausilio di noi lettori. E siamo noi, con i nostri pareri ad aiutarlo a spianare questa strada.
E ora, come Antonio ha ringraziato alcune persone, io vorrei ringraziare lui per la bella lettura che mi ha dato e per avermi citata.


Valutazione d'inchiostro: 4


Nessun commento:

Posta un commento