mercoledì 9 marzo 2016

Gocce d'inchiostro: La casa delle belle addormentate - Yasunari Kawabata

Titolo: La casa delle belle addormentate
Autore: Yasunari Kawabata
Casa editrice: Oscar Mondadori
Prezzo: 9, 50€
N° di pagine: 158
Trama: Un raffinato racconto erotico centrato sulle visite del vecchio Eguchi a un inconsueto postribolo in cui gli ospiti possono passare la notte con giovanissime donne addormentate di un narcotico. Un viaggio tra i più misteriosi recessi della psiche.







La recensione:

Qualunque vita, per quanto inumana, con l'assuefazione diventa umana. Immoralità d'ogni specie sono nascoste nelle tenebre del mondo.

Una piacevole sorpresa è stato Yasunari Kawabata. Nella mia mente me lo immagino sulla settantina, alto, magro, leggermente curvo, avvolto in una tunica arancione, solo e un po' incompreso. Lui e la sua storia, quella di Eguchi e delle belle addormentate arrivò, inaspettatamente, in un giorno d'inverno di circa tre settimane fa, e con questo suo primo romanzo mi diede una nuova visione sul mondo. Mi spiegò la nobile arte dell'amore, con uno stile denso ed ermetico, e del piacere che si avvale interamente di attimi di vita. Frammenti in cui si assiste alla visione di fanciulle "annegate" in un sonno profondo, quasi comatoso. Bambole viventi senza alcuna esistenza: burattini concepiti per far vergognare vecchi asessuati. Un meccanismo naturale.
Sapevo bene a cosa andavo incontro e presto avrei constatato, con notevole ironia, il tema per il quale mi ero ritrovata lì, in un Giappone funereo e fragoroso di pensieri che prepotentemente invase le mie orecchie.
La storia di Eguchi, raccontata come una lunga reminescenza, assomiglia molto a quel genere di storia che, per esser raccontata, ha bisogno di parole. Altrimenti impallidisce, si ammala e muore. Ossessionandoci febbrilmente.
Da lettrice onnivora e appassionata di Murakami, La casa delle belle addormentate mi ha appassionato, anche se non completamente. Incalzante, seducente, il cui ritmo è come il forte frastuono delle onde. L'incalcolabile estensione del sesso e la sua inconcepibile profondità un occasione per raggiungere vette di puro piacere. E, la scintilla dell'amore, come un dolce scherzo che la natura ha inventato per unire due corpi, quando la distanza diviene quasi insopportabile. Nella sua 'purezza' può fornire efficaci mezzi per evadere dalla realtà - grazie alla possibilità di donare sensazioni inimmaginabile, nel momento in cui le anime entrano a contatto, e soprattutto quanto più si desidera: amare l'amato effettivamente per quello che è, senza aggrapparsi a qualche illusione o stramba idea.
Quando Kawabata pubblicò La casa delle belle addormentate non era ancora famoso, aveva una cerchia ristretta di fan e, nel suo piccolo, poteva vantarsi di aver scritto una storia che affidasse al lettore la libertà di sentirsi libero di spaziare con la fantasia ed emozionarsi, interpretando l'intricato linguaggio del sesso. Kawabata aveva così messo radici nella letteratura giapponese che, secondo molti critici, a suo modo, fu in grado di aprirsi a dismisura senza più sentirsi solo e divenire una delle più importanti icone della letteratura giapponese.
La sua storia, almeno da lontano, era di quelle che non potevo lasciarmi scappare. Un vecchio giapponese ossessionato dalle parole s'era impegnato ad adoperarle con estrema cura, scalando montagne invisibili, descrivendo le bellezze di una città onirica e straordinaria, prima di morire, come una sorta di commiato: un arrivederci dall'aldilà.
Dopo anni di studi e ricerche, evocare cose o nozioni che avevano aspettato sotto l'ombra, prima che il fuoco della vita se le prendesse e le ammutolisse, La casa delle belle addormentate poté dirsi completo. Si trattava dell'estratto resoconto di un ardente desiderio di sogni irrealizzati di poveri vecchi, il tutto racchiusi nel sarcofago segreto di un umile dimora, i cui visitatori hanno sempre considerato miracolosa e che sin dai primi anni '80 compare nelle raffigurazioni di alcuni romanzi, specie di quelli che professano il culto giapponese.
Adesso che ho terminato di leggere, mi viene solo da pensare che storie di questo tipo - seppur brevi, ma dalla forte carica sensuale - mi hanno sempre dato alla testa, predisponendomi a mondi fantasiosi come piccoli dettagli che si stanziano sul nulla. Il motivo? Forse non c'è alcuna ragione. Talvolta nutro il forte desiderio di imbarcarmi verso luoghi sconosciuti e, insoddisfatta e sola, sono alla ricerca di qualcosa. O qualcuno. Qualcuno che, con la sua dolcezza e premurosità, potrebbe tagliare in due il filo della routine e, specialmente, non darmi alcuna ragione per tormentare senza posa il mio spirito.
La casa delle belle addormentate è un affresco della letteratura giapponese, concepito come un surreale dramma della vita che, nella sua semplicità disarmante, cela un certo fascino. E' come muoversi silenziosamente fra le vecchie mura di questa casa, impersonare la piccola e minuta padrona e trovarsi nella condizione di offrire un 'dono', a una somma esorbitante, a uomini soli e frustrati che giacendo con l'altro sesso, ritrovano la vita. Letteralmente.
Imparagonabile alla pienezza e alla bellezza di una camelia, ma pieno di vita e desiderio, quello di Kawabata è un ricettacolo di corpi nudi, disinibiti ma pieni  di vita, la cui sede sta nella bellezza e nella forza.
Valutazione d'inchiostro: 3

Nessun commento:

Posta un commento