venerdì 12 ottobre 2018

The coffee booktag

La mattina, specie se lavorativa e frenetica, il caffè è un buon modo per dichiararsi esseri umani. Per  come la vedo io, dove milioni e milioni di persone fanno uno sforzo tremendo per staccarsi dall'abbraccio caldo e accogliente delle lenzuola, per scavalcare il momento in cui si è in bilico fra uno zombie e un vampiro, mi sembra più che appropriato attribuire al caffè una certa importanza. Per quanto mi riguarda, non ho bisogno di scuse per parlare di caffè. Lo bevo naturalmente come leggo i libri. Assaporo questo momento ogni mattina così come un amante avrebbe avuto bisogno di scuse e tributi per dichiarare il suo amore a qualcuno.
Se il caffè mi appare qui così essenziale, non c'è alcuna ragione quindi per non augurarvi un buon venerdì se non con un booktag incentrato proprio sui libri e sul caffè. Che si tratti di forte, o macchiato, doppio o decaffeinato, il mio tempo quest'oggi è dedico a questo simpatico giochino che dichiara quanto sia importante per me questa solida unione - caffè e libri -, affinché altri lettori si adattino a questa "novità".
Le domande sono alquanto semplici. Chi vuole buttarsi, mi lasci qui sotto un commento con il link con il quale risponderete a queste domande. In tutto ciò, un'unica certezza che non riesco a togliermi dalla mente: i libri sono un po' come il caffè, una forma indistinta che nemmeno il fragore del mondo può ridimensionare.

Caffè nero: Un libro intenso e difficile da digerire
Una lettura bellissima, sbalorditiva, ma piuttosto impegnativa. Di questo romanzo serbo un ricordo particolare: i miei innumerevoli tentativi di leggerlo completamente, in quanto è un opera ambientata nella Russia del XIX secolo che non poche volte mi ha spiazzata, scoperta combattuta e insicura nel proseguire o meno la sua lettura.

Caffè macchiato: Romanzo famoso e apprezzato
Una lettura che decisamente si annovera come fra le mie preferite. Hardy e la sua splendida ma tormentata eroina li conobbi tardi, ma il nostro incontro ha suggellato una perpetua unione che sono certa nemmeno il tempo potrà scalfire.

Cioccolata calda: Romanzo preferito da bambina
Non ci ho pensato due volte a inserire Matilda in questa categoria. Tutt'ora mi sorprendo a prendere il romanzo, aprire qualche pagina a caso, e ritrovare la vecchia me di una volta. Una me piuttosto giovane, che si era rivista in Matildper il suo sconfinato amore per i libri e la buona letteratura.

Espresso doppio: Romanzo che mi ha tenuto incollata alle pagine
Anche per questa categoria, la mia scelta è caduta sull'opera di un giovane autore i cui romanzi sono diventati un vero e proprio cult. E, sebbene il genere trattato non rientra fra i miei preferiti, si tratta di un opera che mi ha stregata, ammaliata, senza che nemmeno me ne accorgessi.

Latte macchiato: Romanzo lungo e pesante
Primo approccio con questa autrice, nonché prima brusca immersione nel mondo allendiano. Il risultato non è stato propriamente positivo, ma, presto o tardi, mi piacerebbe rileggerlo.

Starback: Romanzi che vedi ovunque

Sicuramente i romanzi che vedo continuamente e ovunque - siti blogger, bancarelle, librerie -, e che non sortiscono alcun fascino su di me ….
Forse per la semplice ragione che, nonostante le bellissime copertine, so per certo che la loro è una lettura che trasmette molto poco. Perlomeno per me..

Caffetteria hipster: Romanzo di un autore poco conosciuto
Uno dei miei romanzi preferiti, una lettura bellissima che quest'anno ho intrapreso dopo qualche tempo. E che, proiezione intima ed egoistica di due amanti, è un disegno ossessivo, possessivo di due anime che rincorrono la beatitudine eterna.

Il solito: Romanzo comprato impulsivamente perché consapevole che l'avrei apprezzato
Una delle mie ultime letture, nonché uno dei miei ultimi acquisti. Stoner è stata quella lettura che mi ha sorpreso moltissimo e che, gioco di luci e ombre, guazzabuglio di sogni e speranze di un uomo comune, ambizioso e un po' solitario, è un opera che a mio avviso ogni lettore dovrebbe possedere fra gli scaffali impolverati della sua libreria.

Decaffeinato: Romanzo che mi ha un po' deluso
Acquistato d'impulso per la bella cover e per la trama intrigante, una lettura che purtroppo alla fine non si è rivelata quello che desideravo.



Miscela perfetta: Romanzo preferito
Scegliere un solo libro è sempre un'impresa piuttosto ardua. Tuttavia. come molti già sanno, questo blog non manca mai di evidenziare e sottolineare il mio amore per Murakami. E Kafka sulla spiaggia ne è un esempio.

12 commenti:

  1. Bellissimo tag, Gresi! Concordo con Matilda (la mia maestra delle elementari lo leggeva alla classe) ed Harry Quebert, gli altri romanzi non li ho letti... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Ariel, per me Rohal Dall e il suo splendido Matilda occupano un posto particolare nel mio cuore ☺

      Elimina
  2. Caffè....ne bevo al massimo due al giorno ma sono essenziali!!! Ho letto Harry Quebert e concordo e la Allende che ho adorato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ne bevo parecchio, anche se la cosa non è tanto buona 😁

      Elimina
  3. Molto carino questo tag! io soffro d'insonnia, quindi ne posso prendere al massimo uno di caffè al giorno, ma ho apprezzato i consigli letterari. Ho annotato Bella del signore perché anche io non lo conoscevo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, mi spiace! Meglio tenersi alla larga dal caffè ☺ Bella del signore è un romanzo che nemmeno io conoscevo, e che ho scoperto grazie a un romanzo di Musso ☺ e ne sono davvero felice, in quanto non avevo idea di cosa mi perdessi ☺

      Elimina
  4. Dovrò decidermi a leggere "Tess dei d'Urberville" prima o poi! *-*
    E "Matilde" era anche il mio libro preferito da bambina! :D

    RispondiElimina
  5. che bello questo tag e da amante del caffè magari te lo copio!

    RispondiElimina
  6. Che carino questo tag! Il caffè non mi fa dormire e quindi devo berlo con moderazione, ma questo tag mi sa che lo faccio perché mi piace troppo!

    RispondiElimina