lunedì 19 febbraio 2018

Gocce d'inchiostro: Chiamami col tuo nome - André Aciman

Ho sempre parecchio sognato dinanzi a una bella e struggente storia d'amore. Eppure mi è sempre mancato qualcosa; l'atto del viverla. E cosa potevo fare io se non aspettare tranquillamente che tutto ciò un giorno si realizzasse? E', come sono solita ripetermi, la forza del destino da cui tutto ciò accade. E' la visione che si pone a una persona che, sino a qualche tempo prima, consideravamo estranea. Forse nemmeno sapevamo della sua esistenza. Eppure è qualcosa che in passato mi teneva salda con tanto piacere. Lasciavo perdere i dettagli insignificanti, le mie inutili preoccupazioni, e vivevo alla giornata, come tutti del resto, i miei vent'anni.
Da queste mie considerazioni ne è derivato l'incontro con la persona che mi ha letteralmente rubato il cuore, e, il periodo in cui tutto ciò accadde, coincise con la pubblicazione di un romanzo che si affacciava al grande pubblico con la promessa di affascinare, intorpidire i sensi. Finì col ridere di queste dichiarazioni, e accolsi Chiamami col tuo nome con un enorme sorriso stampato sulle labbra.
Quest'oggi infatti mi trovo nuovamente qui a riporre quei sentimenti che si sono agitati così bene, durante il periodo in cui feci come mia la storia di Elio e Oliver. Non riuscendo a tenere a bada alcun emozione, alcun sentimento, finché non sono irrimediabilmente giunta alla conclusione. Cercando  di estrapolare l'esatta configurazione della loro personalità, il legame, il centro delle loro idee o del loro caotico e un po' ridondante viaggio amoroso.





Titolo: Chiamami col tuo nome
Autore: Andrè Aciman
Casa editrice: Guanda
Prezzo: 15, 50 €
N° di pagine: 271
Trama: "Chiamami col tuo nome" è il racconto dell'attrazione improvvisa e avvolgente che sboccia tra due ragazzi, il diciassettenne Elio, figlio di un professore universitario, in vacanza con la famiglia nella loro villa in Riviera e un giovane ospite, invitato per l'estate, il ventiquattrenne Oliver, che sta lavorando alla sua tesi postdottorato. Quell'estate della metà degli anni Ottanta viene rievocata,a  distanza di vent'anni, dal più giovane dei protagonisti. Sconvolti e totalmente impreparati di fronte allo scoppiare di questa passione, i due inizialmente tentano di simulare indifferenza, ma con l'avanzare dei giorni vengono travolti da un'inesorabile corrente di ossessione e paura, seduzione e desiderio, il vero protagonista del romanzo: "Il desiderio che è in noi, e non è necessariamente riferito all'altro. Piuttosto l'altro rappresenta la promessa di un avvicinamento alla soddisfazione di questo bramare …" Quello che Elio e Oliver proveranno in quei giorni estivi e sospesi in Riviera e durante un'afosa notte romana sarà qualcosa che loro stessi sanno non si ripeterà mai più: un'intimità totale, assoluta, un'esperienza che li segnerà per tutta la vita.

sabato 17 febbraio 2018

Gocce d'inchiostro: Middlesex - Jeffrey Eugenides

Inaspettato.
Questa è la parola che immediatamente mi viene in mente, quando penso a questo romanzo. Al periodo in cui feci della storia di Callie come una seconda pelle, dove un turbinio di frasi e periodi sembravano staccarsi dalla carta e, come ragni d'inchiostro, trascinarsi sulle mani e sulla faccia. Attraversando la pelle e annidarsi nelle vene fino a colmare il cuore d'infinita tristezza e annebbiare le pupille di pozzanghere cristalline.
Meraviglioso. Improvviso. Confuso. Come le cose che si mescolano le une alle altre e, diventando un'unica macchia, si confondono.
Vissuto come un impavida viaggiatrice in cerca di avventure, mi sono imbarcata in una storia di cui non sapevo assolutamente niente né dove mi avrebbe portato. Dalla Turchia del crollo dell'Impero Ottomano all'America del proibizionismo, dai conflitti razziali alla controcultura. Nel cuore di una giovane narratrice che ci induce a percorrere i viali alberati di Middlesex con coraggio e determinazione; fra ragazzi e giovani che hanno segnato un epoca che non è più nostra, in un campo estivo, classicamente solenne e tranquillo.
Titolo: Middlesex
Autore: Jeffrey Eugenides
Casa editrice: Mondadori
Prezzo: 9, 80 €
N° di pagine: 601
Trama: Calliope Stephanides, detta Callie, poi Cal, una rara specie di ermafrodito, ha vissuto i primi quattordici anni della sua vita come bambina, senza che nessuno si accorgesse della sua anomalia, fino a quando l'arrivo della pubertà l'ha sottoposta (sottoposto) a inevitabili trasformazioni. E adesso, uomo adulto, vuole scoprire le origini della mutazione genetica responsabile di questa sua "eccentricità biologica", e per farlo ripercorre l'intensa, drammatica e a sua volta alquanto "eccentrica" storia della famiglia Stephanides.

venerdì 16 febbraio 2018

Gocce d'inchiostro: E allora baciami - Roberto Emanuelli

A giudicare da come io mi senta, in questo momento, la storia di Roberto Emanuelli è stata davvero bellissima. Io certo l'ho vissuta intensamente; mi feci vedere pronta e disponibile a qualunque cosa … Qualunque cosa? Beh, si, i sentimenti sono un amuleto magico che nel tempo acquistano forza e vigore. Ricaricano e trasmettono positività, trasmettendo una certa luce a chi ne è il ricevente.
Avevo già sentito parlare di E allora baciami e del suo autore. Roberto Emanuelli lo seguo persino su Facebook! Eppure, il mio approccio è stato alquanto inaspettato. Si è presentato come un vecchio amico, dal volto gentile e giovane. Tutto questo mi incuriosì, e il giorno in cui il suo romanzo d'esordio arrivò nel mio tablet fu il giorno che decretò il mio completo ammaliamento per la sua prosa ricercata e poetica.

Titolo: E allora baciami
Autore: Roberto Emanuelli
Casa editrice: Rizzoli
Prezzo: 17, 50 €
N° di pagine: 308
Trama: Ti prende dritto al cuore e alla testa, e a quel punto è già troppo tardi; il tempo, la distanza, le tempeste piccole e grandi, non c'è più niente che possa fermarlo. Ed è impossibile da dimenticare. Lo sa bene Leonardo, che l'ha sentito bruciare sulla pelle e ancora non riesce a liberarsi dei ricordi. Da quando Angela se n'è andata ha avuto tante donne, ma nessuna può sperare di prendere il suo posto. L'amore, adesso, Leonardo lo cerca nelle cose semplici; nei sorrisi soddisfatti dei clienti quando ripara le auto, nella musica che ascolta sulla sua Duetto d'epoca o nelle serate con gli amici di una vita. E poi c'è Laura, la figlia di diciassette anni, sempre più bella, ma anche terribilmente distante. Lei l'amore lo impara su internet, nelle parole di blogger che sanno sfiorarle il cuore come quel padre così silenzioso non potrebbe mai fare. Se sua mamma è sfuggita, si dice, un motivo ci sarà pure. Già, ma quale? E come scoprirlo? La risposta gliela porterà il destino, al termine di un viaggio sorprendente, che per lei significherà trovare il coraggio di amare, per Leonardo la forza di ricominciare a farlo. Perché anche il più piccolo gesto d'amore è un miracolo, ma quel miracolo bisogna desiderarlo per sempre.

mercoledì 14 febbraio 2018

Due chiacchiere con l'autore: JD Hurt

Quest'oggi è un giorno speciale per gli innamorati. Per chi all'anagrafe è stato registrato con il nome Valentina/o, o semplicemente per chi la mattina si sveglia decidendo di festeggiare se stesso. Fiori, cioccolatini, cenette romantiche in riva al mare. Non mi ero accorta di tutto questo, presa dai conati e dal voltastomaco. Non mi ero accorta che la Hurt mi avesse seguita silenziosamente, persino in questo giorno così importante, in questo tentativo folle di prestargli la voce per un tempo più lungo del previsto. La potenza della sua penna, quel tratto sensuale, erano qualcosa di incredibile; può sembrare di parte questo mio giudizio, ma della Hurt io ne sono completamente rapita. Nessuno aveva scritto in questo modo una storia in cui mi sono trovata a mio agio, così intensamente da sembrare una pulsazione ritmica, come se ubbidisse a uno stimolo riflesso, come un battito cardiaco.
Quest'oggi, reduce da una brutta influenza, torno nuovamente ripescando un'altra rubrica che ho lasciato a languire fra le soglie del tempo. Con protagonista proprio la Hurt che, ignara dell'effetto che hanno su di me le sue storie, ospito con un certo entusiasmo ancora una volta nel mio salotto letterario. Confidando che l'ammaliamento che io le riservo ogniqualvolta mi chiede di leggere qualcosa di suo, possa contagiare anche voi J

martedì 13 febbraio 2018

Gocce d'inchiostro: Wishlist - Jd Hurt

Nel pieno della fluente produzione artistica di Jd Hurt, autrice che in passato ho ospitato nel mio salotto letterario, nel secolo in cui si è già ascoltato e detto ogni cosa, è davvero impossibile che anche l'amore più oscuro, forte e violento, come quello che ci narra fra le pagine di Wishlist, non divenga ardente. I lettori dall'animo già ben disposto a tutto questo, vivono e vedono questo tipo di storie con un certo entusiasmo.
Il mese di febbraio è passato sulla mia testa senza che io me ne accorgessi, e il mese dell'amore - come piace a me definirlo -, mi ha vista impegnata nella lettura di romanzi cui so per certo serberò un ricordo particolare. Wishlist è uno di questi, e con l'anima appesantita dalle colpe che sono stati costretti ad addossarsi i protagonisti, il suo pesante profumo di mancanza e solitudine, sono stata oppressa da tutto questo e vi confido ciò che è nato in me durante il periodo che mi ha vista impegnata a vivere quest'ennesima turbolenta storia d'amore. Nell'intimo, dal crescente ardore della passione che mi ha legato ai protagonisti della Hurt.



Titolo: Wishlist 1. Necessities Series

Autore: Jd Hurt
Casa editrice: Selph pubblishing
Prezzo ebook: 0, 99 €
N° di pagine: 250
Trama: Lei è un'inezia, non conta nulla. Una bambina che mi sono preso in casa per fare un dispetto alla madre. Eppure si sta allargando nella mia mente come una macchia d'olio. Non posso permetterlo. Ho altri progetti; trovare la progenie dell'uomo che ha rovinato le vite di tutti noi.
Io sono Ethan Gaffrey e amo una sola persona. Stephan Carroll.
Lei è una delle nostre innumerevoli vittime. Quando l'abbiamo presa in casa mi faceva pena, forse anche tenerezza. Ora sta diventando importante. Non dovrebbe esserlo. Perché a noi interessa una sola cosa. La vendetta. Io sono Kyle Jenkins e amo una sola persona. Ethan Gaffrey.
Volevo liberarmi di mia madre. Cercavo i sogni, la libertà. Ho trovato inganni e bugie. Ho trovato loro due. Kyle ed Ethan. Piano, piano mi stanno svelando chi sono.
Io sono Willow Johnson e ho imparato che l'amore non esiste. E' solo una frode.
Ethan, Kyle, Willow. Quando l'amore diventa ambiguità.

Nota dell'autrice: Wishlist è il primo capitolo dell'omonima duologia dark. Esso fa parte della Dark Necessities Series (per comprendere il testo è necessario avere letto i volumi precedenti: Stolen 1, Stolen 2, American History 1, American History 2)

domenica 11 febbraio 2018

Amori di carta: Marissa Meyer

Il freddo pungente di fine gennaio mi aveva colto di sorpresa e impreparata ad accogliere nel mio cantuccio personale un autrice, Marissa Meyer, le cui opere avevo già letto qualche anno fa, la cui figura si stanziava silenziosa come un ombra che incombeva sopra la mia testa. Una saga fantasy davvero avvincente, deliziosa e ammaliante aveva scrosciato ai bordi della mia anima, rendendo il mio intento di rileggere le Cronache lunari un tentativo in cui poter viaggiare inconsapevolmente, spensierata, impedendo così qualunque attacco esterno.
La rubrica Amori di carta, riesumata da una cartella virtuale dalla luce luminosa e vaporosa, a nemmeno un mese di distanza, torna impettita e lo fa con protagonista proprio Marissa Meyer. In una domenica mattina nuvolosa, in cui avranno inizio le mie impennate letterarie con Callie, protagonista del romanzo Middlesex, imperversando sul terreno arido della mia anima e fagocitando buona parte di ciò che ho assimilato in questi quattro volumi.

sabato 10 febbraio 2018

Gocce d'inchiostro: Winter. Cronache lunari - Marissa Meyer

Sono rimasta davvero sorpresa, oltre che piacevolmente colpita, da questa giovane autrice americana, mamma e moglie che, mediante la partecipazione a un concorso, con quel suo modo inconsueto che la contraddistingue dalle sue "colleghe", ha dato vita a una saga che altri non è che il rifacimento di storie che ognuno di noi tiene saldamente nascosto nella soffitta impolverata della propria anima, con immagini tanto tristi quanto significative.
Questo pomeriggio di quasi metà febbraio, mi trovo nuovamente qui ad esprimere a parole mie, spontanee, quelle emozioni che mi si sono agitate dentro, aiutata un poco dalla presenza dei protagonisti dei volumi precedenti, con sentimenti che ho considerato espressioni che mi appartengono: l'amore che valica qualunque barriera. Persino la morte.
Titolo: Winter. Cronache lunari
Autore: Marissa Meyer
Casa editrice: Mondadori
Prezzo: 20 €
N° di pagine: 650
Trama: La giovane principessa Winter è molto amata dal suo popolo per la sua grazia e la sua gentilezza. E, nonostante le cicatrici che ne deturpano il volto, è considerata uno splendore dai Lunari, anche più della regina Levana, la sua matrigna. Winter, poi, disprezza la sovrana con tutta se stessa, anche perché sa che la donna non approverà mai i suoi sentimenti per il bel Jacin, amico d'infanzia nonché guardia del palazzo. Ma Winter non è la fragile creatura che Levana pensa che sia. Infatti, la ragazza ha l'occasione di privarla del suo potere. E ora, grazie all'aiuto della cyborg Cinder e delle sue alleate, le viene offerta la possibilità concreta di dare inizio a una rivoluzione che rovesci la sovrana e ponga fine così alla guerra che infuria ormai da tanti, troppi anni. Riusciranno Cinder, Scarlet, Cress e Winter a sconfiggere Levana e a trovare ognuna il proprio lieto fine?

mercoledì 7 febbraio 2018

Gocce d'inchiostro: Fangirl - Rainbow Rowell

Dubbi, perplessità, preoccupazioni si sono agitati dentro come un enorme trambusto nelle stanze spoglie e impolverate del mio animo. La storia mi aveva condotta in un college americano in cui si pensa solo ed esclusivamente ai party, alle feste e al divertimento, ma c'è stato qualcosa fra le pagine di Fangirl che non mi ha convinta come speravo. Forse, alla soglia dei venticinque anni, storie di questo tipo non mi attirano più come per un marinaio può attirare il canto di una sirena. E, quando succede, ne rimango quasi sempre demotivata: demoralizzata, in cui il bruciore di una ferita non ancora cicatrizzata pulsa incessantemente.
Ho dunque osservato con un certo dispiacere Wren, Cath, e tutti i loro amici; anche la dolce storia d'amore che trasuda l'epilogo non è stato di certo un caro invito ad abbracciare questo romanzo con un certo entusiasmo, nonostante ho cercato di mostrare la mia partecipazione al riguardo.
Queste poche righe semplicemente per esplicare il mio rammarico per tutto questo, in cui mi è sembrato di guardare da una finestra virtuale con interrogativa frustrazione dopo quasi ogni giro di valzer narrativo.

Titolo: Fangirl
Autore: Rainbow Rowell
Casa editrice: Piemme
Prezzo: 17 €
N° di pagine: 512
Trama: Approdata all'università, dove la sua gemella Wren vuole solo divertirsi tra party, alcool e ragazzi, la timidissima Cath si trova solo per la prima volta e si rinchiude nella sua stanza a scrivere la fanfiction di cui migliaia di sostenitori attendono il seguito. Ma una compagna di stanza scontrosa con il suo ragazzo carino che le sta sempre intorno, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fanfiction siano solo un plagio, e un affascinante aspirante scrittore che vuole lavorare con lei, obbligheranno Cath ad affrontare la sua nuova vita.