venerdì 9 ottobre 2015

Gocce d'inchiostro: Il gusto segreto del cioccolato amaro - Kevin A. Milne

Titolo: Il gusto segreto del cioccolato amaro
Autore: Kevin Alan Milne
Prezzo: 15,56 €
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Trama: "Per essere la proprietaria di una cioccolateria, Sophie Jones non è esattamente la dolcezza personificata. Almeno da quando Garrett l'ha lasciata a un passo dall'altare, e lei, che con la fortuna ha sempre avuto un rapporto un po' problematico, ha dedotto che la felicità è solo un'illusione. Non a caso la sua ultima creazione pasticcerà è un delizioso biscottino, ricoperto di cioccolato amaro, con dentro messaggi ispirati a un sano, sanissimo realismo. Leggi: una doccia fredda per tutti quelli che nell'amore e nella felicità continuano a crederci. Ci sono persone fortunate in amore. Tu non sei una di quelle. Oppure: La tua storia d'amore ti lascerà l'amaro in bocca. Per Sophie, rimasta orfana da bambina, sempre affamata di affetto e comprensione, riempire i Biscotti della Sfortuna di perle di cinismo e disillusione è una sorta di esorcismo quotidiano. Così, il giorno in cui Garrett ritorna per chiederle perdono, lei sa esattamente cosa fare: gli darà un'altra possibilità soltanto se lui saprà dimostrarle che la felicità esiste. Cento testimonianze di una felicità solida e duratura, e lei accetterà di uscire con lui, come al primo appuntamento. E quando Garrett pubblica un annuncio sul giornale, le risposte - sincere, entusiaste, piene di speranza - inondano il negozio, e la vita, di Sophie. Insegnandole che, quando si tratta di quella cosa chiamata felicità, cominciare a cercarla è il primo passo per trovarla."

La mia recensione:

"Quel che trasforma il fallimento in un successo è la capacità di andare avanti finché non trovi la storia giusta."

Cioccolato e amore. E' questo quello che si respira fra le pagine di questo semplice romanzo, che ci catapulta in una pasticceria che profuma ancora di dolci appena sfornati, sullo sfondo di una scintillante striscia di mare, in mezzo a un ammasso grigio di magazzini e moli. Incessante lotta fra luce e oscurità: ricerca infruttuosa della propria identità; brama di riconoscere la propria identità in un mondo in cui sono stati scomposti gli elementi. Istanti di vita in cui la realtà è una sorpresa noiosa e impolverata priva di ambiguità come una pagina bianca ancora da riempire.
Questo gradevolissimo romanzo che ha funto da diversivo a letture più impegnative, situazioni assurde e inverosimili, che tuttavia si sposano con la mia anima sognatrice e romantica, suggerisce una tipologia di racconto che trascina via nel suo tumultuoso torrente inondandoci completamente sia nel corpo sia nella mente. Mi sono imbarcata in una storia in cui pensavo di dovermi aspettare poco, e solo alla fine mi accorsi che anche le storie più semplici riescono a marchiarti col suo segno indelebile. Lasciano una traccia del loro passaggio, anche se non ti trascinano sulla vetta del necessario con l'urgenza imprescindibile di coinvolgerti con ogni centimetro del tuo corpo.
Il gusto segreto del cioccolato amore è stato quel genere di romanzo che non avrei mai letto, se non sentendolo sussurrare attraverso la mensola di una libreria, promettendo mille porte verso altrettanti mondi inesplorati. Divenendo un tutt'uno con i suoi bizzarri personaggi che, fra litigi di coppie, fanno scoppiare una serie di eventi. Parlandoci di loro, tutto quello che li circonda, in fugaci incontri, nel cuore di una magica città.
Lo stile semplice e scorrevole di Milne mi ha permesso di ritagliarmi un posto tutto mio, fra le sue pagine. In una città che ha sempre destato il mio fascino, in cui l'amore per il cioccolato si fonde a quello romantico.
Il gusto segreto del cioccolato amaro è un romanzo un po' amaro, così come la vita, semplice e carino, nonché una sequenza di immagini amorose in un caleidoscopio di situazioni banali. Una ragazza fragile e insicura; un ex che vestirà i panni di angelo custode; una donna tormentata dai rimorsi del suo passato.
La sua bellezza, al termine della lettura, sta nel domandarsi come faccia un romanzo apparentemente semplice e innocuo a nascondere un così significativo messaggio. Profondo. Veritiero. Una storia carina nella sua semplicità. Un raggio di sole che filtra in una coltre di nuvole grigie e minacciose.

La recensione di Elisa:

"A volte vivere nella menzogna è più facile che confrontarsi con la realtà."

Era l'ultima domenica di settembre quella in cui osservavo le persone muoversi serenamente per le vie del paese. I loro volti mostravano tranquillità e gioia: forse perchè era domenica... o forse era il profumo di cioccolata che arrivava dalle bancarelle. Forse quest'unione di cose rendeva tutti un po' più felici, un po' meno stressati. Non potei non cedere alla tentazione di assaggiare quelle dolci praline. Così, avvolta dal sapore dolce del cioccolato, decisi di immergermi in una lettura "golosa" per saziarmi anche dopo che la festa era finita.
Era una settimana piena di impegni quella che ho passato in compagnia di Sophie, eppure era sempre piacevole entrare al "Chocolat du Soph". Mi immergevo subito nell'atmosfera "cioccolatosa" del negozio e leggevo assorta la storia di questa ragazza a cui la vita ha riservato davvero poco. Grazie a una bizzarra scommessa, la giovane Sophie si ritroverà ad affrontare un viaggio alla ricerca della vera felicità. In questo viaggio, che nasce soprattutto dentro sé stessi, Sophie si ritroverà in mezzo a un vortice di diverse felicità, quella di ogni persona al mondo. Scoprirà che anche in mezzo alle tragedie può nascere qualcosa di buono e che basta solo avere il coraggio di guardare avanti e sorridere ancora.
Subito è stato difficile entrare in sintonia con Sophie, mi sembrava così lontana da me. Poi, lentamente, il nostro rapporto si è avvicinato e abbiamo percorso assieme la strada per riscoprire la felicità... e l'abbiamo trovata. Felicità è anche leggere un libro e scoprire che dopo le prime difficoltà hai trovato dei nuovi amici. Il mio viaggio assieme a Sophie è finito, eppure, dopo l'amaro iniziale di questo cioccolatino, ho scoperto tutto il dolce che aveva.

Dai biscotti della Sfortuna di Sophie: "Apri il tuo cuore anche solo un po’, e finirai per soffrire molto."

Valutazione d'inchiostro: 3 


Nessun commento:

Posta un commento