sabato 31 dicembre 2016

Gocce d'inchiostro: La mappa del cielo - Felix J. Palma

Titolo: La mappa del cielo
Autore: Felix J. Palma
Prezzo: 19 €
Casa editrice: Castelvecchi
N° di pagine: 651
Trama: È l'estate del 1835, un'estate caldissima. Un uomo annuncia al mondo di avere scoperto che la Luna è abitata da unicorni, uomini pipistrello e altre fantastiche creature. In breve, quest'affermazione si rivela essere semplicemente una colossale presa in giro, ma nonostante tutto in molti continuano a credere che possa esistere realmente vita extraterrestre sulle stelle. Settanta anni più tardi, Emma Harlow, bisnipote dell'autore della clamorosa beffa, vive nell'alta società newyorkese convinta di essere immune all'amore. E, di fronte alle avances sempre più insistenti del milionario Montgomery Gilmore, arriverà a dichiarare di poter amare soltanto colui che al pari del suo bisnonno riuscirà a convincere il mondo intero che non siamo soli nell'universo. Per questo, se il suo ricco pretendente vuole davvero il suo amore, dovrà riuscire a riprodurre l'invasione marziana descritta ne La guerra dei mondi di H.G. Wells. Emma però non può immaginare che per Gilmore nulla è davvero impossibile, e così i marziani invaderanno la Terra, anche se questa volta sarà per amore...

venerdì 30 dicembre 2016

Un anno pieno di parole: Carta e inchiostro

<< Quali sono state le migliori letture di questo anno 2016? >>, mi domando. Devo ammettere che, se dovessi tirare le somme e realizzare un bilancio, in un anno pieno di racconti, in cento romanzi in cui ho cercato la storia giusta che facesse al caso mio, i titoli che si annoverano nella lista delle migliori letture sono davvero pochi.
Come l'anno scorso, anche quest'anno sono stati numerosi gli amici d'inchiostro che mi hanno accompagnato lungo un percorso, spesso accidentato. Alcuni talmente belli, romantici, malinconici e struggenti, che hanno lasciato uno spazio vuoto che aveva la forma di una persona. Altri, invece, che per quanto ben scritti o di forte impatto, hanno accumulato un numero sproporzionato di critiche e lamentele. Liquidati con facilità per la natura poco infruttuosa della storia, o per fastidiose incongruenze che mi hanno indotto quasi sempre a farmi storcere il naso.
La rubrica Un anno pieno di parole, estrapolata dal nulla in una serata estremamente mite e silenziosa, fa nuovamente la sua comparsa con una carrellata di romanzi che sono il trionfo e l'alleanza dello sforzo e dell'illusione di svariati autori, come un sogno incubato a lungo. Un riepilogo libroso che elogia e critica alcune delle letture che mi hanno accompagnato in questo movimentato e turbolento anno. Strutturati, ancora una volta, in due categorie, la carta e l'inchiostro, che trascinano in un incessante gioco di luci e ombre. Positivo e negativo. Buono e cattivo. Su un terreno delimitato dalla vita del cuore e del corpo umano, con la voce gracchiante di autori conosciuti e sconosciuti il cui ruolo fondamentale è quello di produrre pezzi di vita. Pezzi di vita tuttavia irreali e ritoccate.
Carta:

mercoledì 28 dicembre 2016

The tag of the book Little Women

Il mondo virtuale, in cui albergano la magia, la fantasia, oltre che una buone dose di sentimento e spensieratezza, sono le "dimore" preferite di anime appassionate e sognatrici che, privandosi della coscienza e lasciandosi condurre dal flusso incontenibile di un nuovo viaggio, protetti dalle avversità del mondo, arrivano con parole, frasi o schemi dall'altra parte.
Da oltre un anno sono stata anch'io attratta da questo mondo immaginario. E, sdraiata su una morbida poltrona o su un letto un po' troppo ingombrante, in compagnia di figure lasciate sole nell'immensità di una terra ancora del tutto sconosciuta, mi avvolgo al sicuro in una coperta di parole e sogni pronta a varcare la soglia di terre o luoghi in cui posso riconoscermi.
Con uno stato d'animo simile al fascino e allo stupore, ho accolto anch'io la richiesta della cara Beth, amministratrice del blog Libraia in soffitta, nel mio piccolo angolino virtuale, nel realizzare un post che avesse con protagonisti indiscutibili la famiglia March. Classico senza tempo, storia d'amore e di amicizia in cui non ci si può non sentire accolti, negli spazi angusti della nostra esistenza.
Ad un passo dal Capodanno, e dall'ultima recensione - con cui mi accomiaterò presto e definitivamente da quest'anno -, un post particolare dunque che conferma la mia partecipazione a questo delizioso giochino. Dodici domande, dodici personaggi che avranno come protagonisti romanzi le cui storie non avranno mai fine perché continuano oltre le pagine.

domenica 25 dicembre 2016

Gocce d'inchiostro. Canto di Natale - Charles Dickens

Le tradizioni. Sacre, coinvolgenti, e, per certi versi, misteriose. Come figure sapienti, incutono rispetto, dinanzi al quale bisogna camminare in punta di piedi. Parlare sottovoce. E purché radicati nella memoria dell'uomo, se visti da prospettive differenti, possono talvolta ripristinare legami o affetti che si credevano perduti.
Come ogni anno, anche quest'anno Canto di Natale è arrivato nel mio lettore ebook, con una copertina che dice tutto e niente. Una storia cruda e realistica scritta con intensità, in un montaggio di vicende struggenti e drammatiche.
Augurandovi un sereno e tranquillo Natale, anche in questo giorno di festa Sogni d'inchiostro continua la sua avanzata lenta nel mondo delle parole, con la recensione di uno straordinario affresco della letteratura vittoriana. Un romanzo che lega indissolubilmente nella sua morsa glaciale, e che ci trascina in un gioco di luci e ombre che ci catapult6eranno il più lontano dal mondo.




Titolo: Canto di Natale
Autore: Charles Dickens
Prezzo: 10 €
Casa editrice: Feltrinelli
N° di pagine:
Trama: Nella fredda notte che annuncia il Natale, il vecchio Scrooge, visitato dal fantasma del suo vecchio socio in affari, si trova a compiere un viaggio nel passato, nel presente e nel futuro della sua miserevole vita. Solo messo di fronte a se stesso Scrooge imparerà il valore della solidarietà. Questa è la celeberrima trama di una delle storie più raccontate e rivisitate dal cinema e dalla letteratura mondiale. Il classico di Dickens, presentato nella sua veste originale, riesce ad affascinare come sempre, e rievoca magicamente lo spirito natalizio.

sabato 24 dicembre 2016

Gocce d'inchiostro: Homeless - Allyson Taylor

In questi ultimi giorni sto dedicando gran parte del mio tempo a giovani autori italiani, ancora anonimi fra gli scaffali di librerie colme e strapiene. Ogni tanto mi piace abbracciare con entusiasmo proposte di romanzi sconosciuti per interpretare il modo in cui dipingono la realtà circostante e a volte delinearla con modestissimi pennarelli nascosti nella soffitta impolverata della loro anima. Come con altri, anche con Homeless ho cercato di produrre su carta non tanto quello che vedo, quanto l'aura lucente in cui mi sono confinata. E, con un immediato senso di fratellanza, quando ne varcai la soglia mi sono sentita tranquilla. In un luogo confortevole in cui ho potuto persino riconoscermi.
Sullo sfondo di un paesaggio rumoroso e frenetico, con sottofondo il regolare tic tac di un orologio invisibile che scandisce attimi di vita comune, ho riconosciuto Homeless come quel genere di opera che si affaccia per la prima volta sul mondo. Ma che, componendo una melodia particolare, semplice ma toccante, mi ha trasmesso un'infinità di sensazioni. Emozioni particolari, ferite ancora fresche che dilaniano l'anima, che si trascineranno fino a quando ci si libererà del passato.
Titolo: Homeless
Autore: Allyson Taylor
Casa editrice: Self pubblishing
Prezzo ebook:3,99 €
Trama: Ashley non sa cosa significhi avere una famiglia. Cresce in un orfanotrofio insieme ad altri bambini come lei, trascorrendo le giornate a fare i compiti o a giocare con i suoi amici. Mentre tutti vengono adottati, lei rimane sola in quella struttura dimenticata da Dio ad osservare ogni suo compagno di giochi andarsene e non tornare mai più. Trascorre la sua infanzia isolata e, quando raggiunge la maggiore età, lascia l'orfanotrofio per allontanarsi dai brutti ricordi che rappresenta. La sua vita cambia radicalmente, diventando una lotta contro il tempo per sopravvivere ogni giorno in mezzo alla strada. Tra piccoli furti e capacità di adattarsi, Ashley riesce a rendere più vivibile la sua esistenza fino all'incontro con Ryan Woods, una delle sue vittime. Ashley e Ryan litigano fin dall'inizio, ma presto si rende conto che lei non è la ragazza forte e indipendente che finge di essere. Segreti e delusioni sconvolgono entrambi, costringendo Ashley a prendere la decisione più importante della sua vita.

mercoledì 21 dicembre 2016

Gocce d'inchiostro: Pocofuturo - Sergio Beducci

Buon pomeriggio, amici! 
A brevissima distanza dall'ultima recensione, dalla magnifica lettura di un romanzo in cui inevitabilmente sono cresciuta mediante un complicato meccanismo, quale l'esaltazione della letteratura come massima di vita, in questo mercoledì uggioso e un po' monotono il mio pensiero riguardo il romanzo di un esordiente, Sergio Beducci, che con Pocofuturo si è aperto lietamente su un mondo, da dove gli sono giunte insane esalazioni. Con ricordi estrapolati dal passato, che prepotentemente hanno invaso la mia mente, sorprendendomi nel cercarli in ogni frase, in ogni gesto, in ogni parola. Fra spiriti che si tengono per mano, in un coro di voci la cui tonalità è ancora bassa, raggiungendo tuttavia il cuore di una lettrice avida di storie.




Titolo: Pocofuturo
Autore: Sergio Beducci
Casa editrice: Antonio Tombolini
Prezzo ebook: 1, 99 €
N° di pagine: 70
Trama: Pocofuturo è composto da quattordici racconti, brevi e meno brevi. Ritratti di adolescenti messi di fronte alla malattia, alla sofferenza o semplicemente refrattari a uniformarsi alle regole che qualcuno ha deciso per loro. Vite di giovani e meno giovani presi tra solitudine e incapacità di immaginare per sé o per il mondo un futuro credibile o anche solo accettabile.
Il titolo alla raccolta è stato scelto perché in qualche modo l'idea di futuro negli ultimi anni è sembrata contrarsi, perdere di significato, scivolare verso un futuro un presente dilatato, atemporale. Pochi sogni, nessun ideale da realizzare: ognuno chiuso nel proprio angusto mondo, spesso intriso di rimpianto, di rancore.
Le uniche figure che conservano umanità, capacità di emozionarsi, energia vitale, sembrano essere i giovani marginali, le ragazze in fuga, i bambini che anche di fronte alla morte sono capaci di reagire, affrontandola.
Così, tra le pieghe di un’esistenza che sembra cristallizzata nell’inerzia e nell’apatia, può apparire d’improvviso una possibilità nuova, una speranza, persino l’amore.
Un libro pieno di gatti con nomi strani, di cani che si chiamano Platone, ma anche di adolescenti che del filosofo e della sua allegoria della caverna, sono affascinati.
Un racconto presenta un identico inizio per uno svolgimento e un finale completamente diverso, quasi fosse l’uno la cover o il remix dell’altro, come si usa tra i musicisti e i dj.

martedì 20 dicembre 2016

Gocce d'inchiostro: La mappa del tempo - Felix J. Palma

Titolo: La mappa del tempo
Autore: Felix J. Palma
Casa editrice: Castelvecchi
Prezzo: 19, 50 €
N° di pagine: 625
Trama: Londra,1896. Il giovane e ricco Andrew Harrington è inconsolabile per la perdita dell'amata Marie, una prostituta uccisa anni prima da Jack lo Squartatore. A un passo dal suicidio però decide di tentare un'ultima, disperata mossa: tornare nel passato per cambiare il corso degli eventi e salvare la donna. In un'epoca di scoperte e invenzioni, questo sembra infatti possibile tanto che una nuova compagnia, la Viaggi Temporali Murray, dichiara di aver realizzato una macchina del tempo, già immaginata un anno prima da H. G. Wells nel suo celebre romanzo. Ma i viaggi nel tempo hanno effetti imprevisti: lo scrittore stesso è minacciato da un ciarlatano arrivato dal futuro, Marcus Rhys, che tenta di rubargli il manoscritto della sua ultima opera. Rhys è a sua volta inseguito dall'ispettore Garrett, che lo ritiene responsabile di una serie di crimini compiuti con armi misteriose. A servirsi del prodigioso apparecchio c'è anche l'eccentrica Claire Haggerty che, per scappare dalla rigida morale vittoriana, si sposta nell'anno 2000, dove incontra finalmente l'uomo della sua vita.
Per tutti è solo una questione di tempo: sfuggirgli, trasformarlo, modificarlo potrebbe offrire loro l'unica possibilità di cambiare il proprio destino.

venerdì 16 dicembre 2016

Blog Tour Natalizio. 24 libri a Natale: Il tredicesimo dono - Joanne Huist Smith

Abbracciare con  grande entusiasmo proposte letterarie pur di interpretare il modo in cui è vista la realtà circostante da un Io completamente diverso dal mio è sempre stato per me motivo di grande fascino. Proprio per questo motivo ho deciso di partecipare con immenso piacere all'iniziativa indetta dalla mia amica di letture, Claudia, che, nel suo piccolo angolino virtuale (qui) è una fonte inesauribile di sorprese e opportunità. Ad un passo dalla vigilia di Natale, dal cenone, e dal consueto scambio dei regali, quest'oggi un post particolare che conferma la mia partecipazione a questo bellissimo evento. Ventiquattro libri, ventiquattro caselline, ventiquattro tappe diverse in altrettanto ventiquattro blog diversi che, per caso o per scelta, sono stati protagonisti di un viaggio letterario che non avrà mai fine perché continua oltre pagine e pagine zeppe di Sogni e inchiostro ;)
Restando fedele a queste piccole tappe, in questo freddo e pungente venerdì di metà dicembre, è giunto anche il mio turno di svelare quale romanzo cela la 16° casellina. Quale appassionante, realistica, profonda storia abbia scandito attimi di una vita non più uguale a se stessa e che, inconsapevolmente, ha funto agli effetti collaterali dell'inadeguatezza e dell'insoddisfazione in cui mi sono sentita vittima in questo ultimo periodo.

mercoledì 14 dicembre 2016

Booktag: Regala un libro

A mia insaputa, sono stata invitata a partecipare a un giochino particolare e molto carino. Un booktag che avevo già visto in qualche altro blog, ma a cui non ho prestato particolare attenzione. Claudia, del blog Toglietemi tutto, ma non i miei libri, ha pensato anche a me e, contenta ed eccitata, non ci ho pensato due volte ad aprire blogger e digitare nella dicitura Regala un libro 😊📚
In questo mercoledì freddo e uggioso, quindi, colgo l'occasione per proporvi anch'io questo simpatico passatempo che, rievocando immagini e ricordi cui credevo perduti, è una sorta di guida librosa che permette di sfogliare avanti e indietro quelle pagine di vita in cui sono riportate pezzi di storia riguardo le mie preferenze libresche, alcune determinando svolte nella mia vita, riportati in pagine bianche o imprigionati su fogli virtuali dalla luce luminosa e variopinta.
In una carrellata di romanzi di svariato genere, un piccolo pensiero o consiglio spassionato. Tracce d'inchiostro di romanzi di cui ho avuto il piacere di assaporare durante il corso degli anni, che ho amato molto, e con cui mi sono divertita parecchio per un certo lasso di tempo 😊

martedì 13 dicembre 2016

Gocce d'inchiostro: La lettera scarlatta - Nathaniel Hawthorne

Titolo: La lettera scarlatta
Autore: Nathaniel Hawthorne
Prezzo: 10 €
Casa editrice: Feltrinelli
N° di pagine: 250
Trama: Ambientato nel New England puritano nel XVII secolo, il romanzo racconta la storia di Hester Prynne, una donna che, dopo aver dato alla luce una bimba, frutto di una relazione adulterina, rifiuta di rivelare chi è il padre e lotta per crearsi una nuova vita di pentimento e dignità. La lettera scarlatta è la A che per punizione ogni adultera deve portare cucita sul petto e che "marchia" in modo indelebile le azioni e la coscienza della protagonista, stretta in un patologico triangolo con il marito e con l'antico seduttore in un crescendo di tensione, sofferenza, angoscia.


venerdì 9 dicembre 2016

Gocce d'inchiostro: La storia infinita - Michael Ende

Titolo: La storia infinita
Autore: Michael Ende
Prezzo: 10 €
Casa editrice: Tea
N° di pagine: 436
Trama: Bastiano è un giovane goffo, e non è quel che si dice comunemente un "ragazzo sveglio", ma la lettura (e il termine è improprio, perché egli passerà alternativamente dal ruolo di lettore a quello di personaggio e di protagonista) di questo libro lo farà cambiare e farà cambiare la Storia stessa. Gli farà capire che il "fa' ciò che vuoi" che sta scritto sull'amuleto ricevuto in dono non significa "fa' quel che ti pare", ma esorta a seguire la volontà più profonda per trovare se stessi. Che è la strada più ardua del mon do. Il libro e Bastiano la percorreranno insieme, e il ragazzo attraverserà tutti i suoi desideri e passerà dalla goffaggine alla bellezza, alla forza, alla sapienza, al potere, fino a quando dovrà fermarsi.

martedì 6 dicembre 2016

Gocce d'inchiostro: La scatola delle lettere perdute - Eve Makis

In questi ultimi giorni sto dedicando il mio tempo esclusivamente ai libri e al mio amatissimo blog. C'è un freddo pungente che penetra sin dentro le ossa e, per quanto siano onorevoli e di buone intenzioni, coperte e piumoni sembrano sempre fin troppo poche e poco accoglienti anche per un corpicino piccolo come il mio.
In questa settimana appena iniziata ho già fatto un mucchio di cose. Il Natale oramai è alle porte, e un piccolo dono talvolta può fungere da ripristino a chi non crede più nei sogni o nei desideri.
Questa sera, però, desidero tenervi compagnia con la recensione di un romanzo che in parte si è rivelato come una cocente delusione. E, in parte, trasmesso qualcosa di evocativo ma distante che avrebbe potuto scalfire persino l'anima dei più coriacei.
Titolo: La scatola delle lettere perdute
Autore: Eve Makis
Casa editrice: Newton Compton
Prezzo: 9, 90 €
N° di pagine: 283
Trama: Quando sua nonna Mariam muore, Katerina eredita un'antica scatola da spezie. Al suo interno, avvolti da un intenso profumo, trova delle lettere e un diario scritto in armeno. Katerina scopre così che la sua famiglia è stata devastata dalla tragedia armena del 1915. Non solo Mariam, ancora bambina, è stata esiliata dalla sua casa in Turchia e separata dall'amato fratello, ma ha anche dovuto affrontare il terribile dolore per la perdita del primo amore. Inquieta per ciò che ha scoperto, Katerina vuole andare a fondo in quella storia. Decide allora di mettersi sulle tracce dell'amata nonna e intraprende un viaggio che la porterà dall'Inghilterra a Cipro e poi dall'altra parte del mondo, a New York. Sarà un tuffo nel passato, ma anche un modo, per Katerina, di liberarsi di ricordi dolorosi in cui è ancora intrappolata.

lunedì 5 dicembre 2016

Gocce d'inchiostro: Memoria delle mie puttane tristi - Gabriel Gàrcia Marquez

Titolo: Memoria delle mie puttane tristi
Autore: Gabriel Garcia Marquez
Casa editrice: Oscar Mondadori
Prezzo: 10 €
N° di pagine: 141
Trama: "L'anno dei miei novant'anni decisi di regalarmi una notte di amore folle con un'adolescente vergine." Comincia così il nuovo romanzo di Gabriel Garcia Márquez, il libro con cui il premio Nobel colombiano torna dopo dieci anni alla narrativa. A raccontare è la voce dell'anziano protagonista, un giornalista eccentrico e solitario, che accanto a un'adolescente scopre il piacere inverosimile di contemplare il corpo nudo di una donna che dorme "senza le urgenze del desiderio o gli intralci del pudore". Scopre forse per la prima volta l'amore, quello che non ha mai cercato in tutte le donne che ha incontrato e conosciuto, trovando "l'inizio di una nuova vita a un'età in cui la maggior parte dei mortali è già morta".

domenica 4 dicembre 2016

Romanzi su misura: Novembre

Non riesco a saziarmi di libri! E si che ne possiedo un numero discreto al necessario; la fortuna nel cercarli è sprone a una maggiore avidità di possederne. Da sempre i romanzi mi hanno sempre dato una gioia incontenibile che, scavando in profondità, hanno funto agli effetti collaterali e irreprensibili della vita. Discorrendo con la nostra anima, consigliandoci e guidandoci, legandosi a noi con una sorta di famigliarità attiva e penetrante.
Durante questi trenta giorni sette opere di sette autori diversi hanno agito su di me spingendomi a perseguire il più futile dei sogni, il sogno di scrivere un giorno come loro. Che, indipendentemente dai difetti, hanno lasciato una traccia della mia esistenza impossibile.

giovedì 1 dicembre 2016

Gocce d'inchiostro: Henry e June - Anais Nin

Titolo: Henry e June
Autore: Anais Nin
Casa editrice: Bompiani
Prezzo: 10 €
N° di pagine: 272
Trama: Tratto dal diario originale non censurato di Anaïs Nin, questo spaccato autobiografico copre il periodo trascorso dall’autrice a Parigi tra la metà del 1931 e la fine del 1932. A quell’epoca risale l’incontro con Henry Miller e sua moglie June: un incontro che doveva segnare una svolta importantissima nell’evoluzione sentimentale e letteraria della scrittrice. Attratta dal fascino geniale di Miller e profondamente turbata dalla fisicità inquietante di June, la giovane Anaïs Nin inizia una specie di educazione erotico-sentimentale che la porterà a una decisiva maturazione personale ed emotiva.