martedì 28 marzo 2017

Gocce d'inchiostro: Storie di ordinaria follia - Charles Bukowski

Titolo: Storie di ordinaria follia
Autore: Charles Bukowski
Casa editrice: Feltrinelli
Prezzo: 10 €
N° di pagine: 341
Trama: La biografia di Bukowski include due tentativi di lavorare come impiegato, dimissioni dal "posto fisso" a cinquant'anni suonati, "per non uscire di senno del tutto" e vari divorzi. Questi scarsi elementi ricorrono con ossessiva insistenza nella narrativa di Bukowski, più un romanzo a disordinate puntate che non racconti a sé, dove si alternano e si mischiano a personaggi e eventi di fantasia.







La recensione:
Un antico proverbio cinese dice che le apparenze hanno sempre il potere di colpire al primo sguardo. Immagini che galleggiano nella piscina della vita, ingannevoli e illusorie; sfondi sul mondo che offrono allo sguardo uno sfavillante spettacolo di colori.
In mezzo a una tempesta che in un momento potrebbe scaldare al sole, in un successivo andare in frantumi contro gli scogli, bruciano l'anima marcendo invisibilmente. Involontari e taciturni, attestati alla sensibilità e alla compassione.
Nella mia carriera di lettrice ho letto tantissimi libri le cui storie, nonostante avessero bisogno di parole che mi si attorcigliarono intorno come la tela di un ragno, impallidirono, si ammalarono e poi morirono alle prime luci dell'alba. E Storie di ordinaria follia rientra nella categoria di quei romanzi che, nonostante operino silenziosamente dentro di te, non possiedono quella particolare magia di quando si è soggiogati al punto di non riuscire a distinguere la realtà dalla finzione. Immagini violente e poco sublimi, incrinature che non riescono a descrivere la qualità della storia.
Il profumo inebriante di una storia che può sprigionare solo la parola scritta, rendendoci felici per una manciata di secondi per poi svanire senza pietà e lasciarci tristi, turbati e malinconici, se capaci di trasmetterci quella magica sensazione di perdere completamente la volontà, è una sorpresa serena e rassicurante. Un titolo semplice ma evocativo, una copertina che non lascia dubbi o perplessità, una trama che altri non è che lo spaccato di vita di un uomo comune avrebbero potuto trasmettere quei messaggi straordinari capaci di far vibrare il nostro animo. Privi di ambiguità, acquazzoni estivi in uggiose giornate d'inverno. Sarebbe bastato poco affinché potessero trafiggere la nostra pelle: abbracci carnali che ancora puzzano di odori e sapori vari; gesti poco eclatanti, selvaggi, impetuosi e irruenti che producono involontariamente disgusto.
Eppure esistono romanzi che fanno viva testimonianza della moltitudine di sentimenti contenuti nel cuore umano. E questo romanzo, nonostante sia dotato di una sottile vena poetica, è una storia cruda e realistica priva di una forza appassionante, fredda e poco emozionante, che non riesce tuttavia a trascendere nella psiche umana.
Un dramma realistico dalla forme più svariate in cui Bukowski è un uomo sommerso da un torrente di ricordi ed emozioni, ignaro di aver imboccato una ripida discesa verso un abisso di insoddisfazione e sconforto. Un ombra evanescente che cammina nel sentiero insidioso della vita, cresciuto inseguendo una libertà senza confini.
Storie di ordinaria follia è un inno alla vita che non lascia un segno indelebile nel cuore. Piuttosto freddi, distaccati a causa dello stesso Bukowski che non è stato in grado di confidarsi come se stessero confidandosi con un amico fidato. Un frammento di vita che oscilla costantemente fra passato e presente, perversioni e ossessioni, che non avrebbe potuto impedire il trasporto emotivo che l'irruenza della storia non han invece permesso. La narrazione non è esente da difetti e da numerosi momenti di lentezza e la storia fra l'autore e le sue innumerevoli donne, nonostante possa apparire romantica e seducente, non artiglia lo stomaco e il cervello. Non ci fa giungere lungo le vette dell'estasi, facendoci sentire il cuore più leggero causando una grande infelicità. La superficialità della storia dà l'impressione di trovarsi dinanzi a un romanzetto brutto e insulso e, avendo la sensazione di leggere i frammenti di un cuore freddo ma pulsante, non ha il pathos di un amore immortale. 
Una lettura pesante sotto diversi punti di vista che, diversamente da ciò che speravo, avrebbe potuto far risuonare echi impossibili da ignorare. Personaggi che svaniscono come anime perdute nella lotteria della vita, una storia con del potenziale ma che scade nell'improduttività. Nella volgarità e nel disgusto. Avrebbe potuto dar vita a una melodia che avrei potuto ascoltare con l'urgenza imprescindibile del respiro o la sete di coinvolgere ogni centimetro del mio corpo, così come un fiume va nel mare o un satellite nella sua orbita. Visitare un angolo di Paradiso, ricco di struttura, forme e romanticismo.
Slanci del cuore che sprofondano nel nulla, amanti che si amano come se fossero incatenati, stretti in braccia protese, ma che non riescono a congiungersi.

Valutazione d'inchiostro: 2

4 commenti:

  1. Ciao Gresi,
    questo libro l'ho visto un pò in giro ma sinceramente mi ispira pochissimo e dalla tua valutazione credo che ne starò alla larga. Decisamente la mia infintia wish list ringrazia

    RispondiElimina
  2. Ciao Gresi! Non ho mai letto nulla di questo autore ma sarei tanto curiosa di farlo. La tua recensione è come sempre impeccabile e mi spiace che questo libro non ti sia entrato nel cuore. Se mai capiterà sul mio cammino e deciderò di leggerlo, ti farò sapere cosa ne penso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Maria! Sei sempre gentilissima :)) A me purtroppo non é piaciuto, ma potresti dargli un'occasione :)

      Elimina