mercoledì 21 febbraio 2018

Gocce d'inchiostro: Volevo solo averti accanto - Ronald H. Balson

Mi sono persa in un labirinto di parole, idee, come un'ostrica che ha sepolto la testa sotto una montagna di carta, leggendo tuttavia una storia che non mi ha soddisfatta come credevo. Sono partita volenterosa, determinata, ma il progetto di leggere qualcosa di tremendamente bello e indimenticabile è crollato alla fine di qualche capitolo, come una donna che oramai è rassegnata alle delusioni della vita.
Non ho idea di cosa non mi abbia pienamente soddisfatta; se non la mancata caratterizzazione dei personaggi, o la rapidità di estrapolare una storia dalle soglie morali del tempo. Ho cercato di comprendere, leggere, eppure nulla di tutto ciò è bastato.
Volevo solo averti accanto è un romanzo indubbiamente particolare. Un richiamo al passato, che per viverlo basta un semplice richiamo e che, per quanto mi riguarda, mi ha sospinta lontana. A largo dai due protagonisti, e persino dall'autore.

Titolo: Volevo solo averti accanto
Autore: Ronald H. Balson
Casa editrice: Garzanti
Prezzo: 14, 90 €
N° di pagine: 420
Trama: E' la sera della prima al grande teatro dell'Opera di Chicago. Morbide stole e sete fruscianti si scostano per far largo al vecchio Elliot Rosenweig, il più ricco e importante mecenate della città. All'improvviso fra la folla appare un uomo anziano in uno smoking rattoppato. Tra le mani stringe convulsamente una pistola che punta alla testa di Roseweig. La voce trema per la rabbia, ma lo sguardo è risoluto quando lo accusa di essere in realtà Otto Piatek, il macellaio di Zamosc, feroce criminale nazista. Ma nessuno sparo riecheggia tra i cristalli e gli specchi del sontuoso atrio. E Ben Solomon, un ebreo scampato ai campi di sterminio, viene atterrato dalla sicurezza e trascinato in prigione. Nessuno crede alle sue accuse, nessuno vuole ascoltarlo. Tranne Catherine Lockhart, una giovane avvocatessa alle prese con una scelta difficile della sua vita. Catherine conosce l'olocausto esclusivamente dai libri di scuola, eppure solo lei riesce a leggere la forza della verità negli occhi velati di Ben, solo lei è disposta ad ascoltare la sua storia. Una storia che la porta nella fredda e ventosa Polonia degli anni Trenta, a un bambino tedesco tremante e con le scarpe di cartone che viene accolto e curato come un figlio nella ricca casa della famiglia ebrea dei Solomon. Ma anche agli occhi ambrati di una ragazza coraggiosa e a una storia d'amore, amicizia e gelosia che affonda le radici del suo segreto in un passato tragico.

La recensione:

Gli esseri umani sono incapaci di pianificare e mettere in atto un genocidio di massa, a meno che non siano aizzati da qualcun altro. L'animo umano è buono, è Dio a crearci così.

Ho sempre pensato molto, ma ogni tanto constato mi manca un anello. E qual è l'anello mancante? E', come spesso mi dico, l'incapacità di essere compresa. E' la visione di me che mi tiene lontana dagli altri con tanto potere. Ma lascio perdere i dettagli insignificanti, e continuo per la mia strada, do alle mie idee, alle mie azioni e alle mie esperienze la loro corretta importanza.
Quando accolsi nel mio cantuccio personale il romanzo di Balson, stavo partecipando a una sfida indetta su Facebook e ricordo decisi di leggere Volevo solo averti accanto man mano che smaltivo qualche arretrato. Mi misi d'impegno a realizzare i miei progetti, il romanzo silenziosamente racchiuso in una cartella virtuale, tenace ad ordire un progetto da cui avrei avuto tante soddisfazioni … Perlomeno questo è ciò di cui credevo. Finì col ridere di tutto questo. Non riesco a smettere di dispiacermi, finché non giungerà qualche altro romanzo che mi faccia dimenticare la faccenda. Cerco sempre un rimedio, una nuova lettura, un nuovo amico che possa sollevarmi dalle mie caotiche e rumorose inflessioni letterarie. Lotto per sentirmi soddisfatta, compiaciuta, pur di giungere alla fine del mese con un numero discreto di letture che esplicano quanto più c'è stato di buono ad averli come compagni di viaggio.
La storia di Balson non è senza alcun dubbio una novità. Obbedisce ai ritmi narrativi, e a quasi tutti gli schemi che possano rendere Volevo solo averti accanto un romanzo che tratta di guerra e Olocausto.
In un momento imprecisato della sua lettura, tuttavia, ha cominciato a declinare, a precipitare vertiginosamente lungo un baratro freddo e oscuro, spezzato dalla perpetua voce del suo narratore e dai fermenti di ciò che è il pulpito principale su cui ruota la storia. E questo è stato uno dei pochi elementi che non mi hanno permesso di apprezzare il romanzo come desideravo. Una certa staticità nel tutto, una freddezza nei cuori dei protagonisti, una storia che è stata vissuta dall'autore ma non dal suo pubblico.
Ho camminato per le strade di una cittadina della Polonia ignara di ciò che non ho potuto amare. Un vecchio rugoso e dalla calvizie incipiente ha inutilmente gettato una certa luce su qualcosa di cui i libri di Storia o i telegiornali ci ricordano giorno dopo giorno, rapido e implacabile come foglie secche spazzate via dal vento. Il vecchio si congiunge al nuovo, passa come un refolo di vento, c'è gente appesa a uncini e famiglie povere stanziate in luoghi sporchi e dimessi. Tematiche particolari, di forte impatto non per niente sconosciuti, in cui si gioca fra il reale e il possibile, in un mondo che è pieno di gente ordinaria.
Al contrario di quello che mi aspettavo, non ho potuto vedere emergere la storia che l'autore si porta dentro nonostante sia stata in pieno movimento. Una storia che è un richiamo ad altre storie mentre ci si rende consapevoli della fortuna che ognuno di noi possiede, in cui la vita non si ferma mentre Boris ricorda. Analisi in movimento. Ma le sue chiacchierate con tutti, la sua vita e i suoi ricordi, le sue conversazioni con lettori di ogni dove, che nei romanzi considero come un'interruzione narrativa abilmente celata da situazioni o eventi che stravolgono i protagonisti, ora credo non siano giunte al mio cuore. Ronald Balson non scrive mai non più di due righe dei suoi protagonisti, né esplica le motivazioni che li inducono a comportarsi in un certo modo; Ronald Balson scrive a temperatura glaciale e tutto questo a me non è piaciuto per niente.
E' questo quello che non ho gradito della prosa dell'autore, indirizzando i miei pensieri su altro, valutando le possibilità di leggere qualcos'altro, mentre aspettavo che il romanzo giungesse all'epilogo, in un viaggio che avrebbe potuto essere all'insegna del divertimento e dello svago.
Non mi piace criticare le mie letture, ne i romanzi in generale. I miei sforzi di non pensare, attaccare l'autore nello studio di questo suo viaggio, il suo interesse per la guerra, gli anni '40, l'Olocausto e poi trasformarli, sono scivolati su quella copertina dai colori bluastri, non mettendoli bene a fuoco. Il suo benvenuto mi sospinse lontano, in una città della Polonia, fra le braccia di un uomo dal cuore puro, dilaniato dai traumi del passato, il cui atto di cronaca non seppe incuriosirmi ne destò il mio fascino.
In quattrocento pagine in cui avrebbe dovuto persistere la malinconia, l'impossibilità di farsi contagiare nemmeno dalla fugacità di un misero atto di felicità, silenzio, disprezzo e cinismo, io, seduta sulla mia poltrona preferita, non ho potuto avvertire tutto questo. Forse non è stato naturale un atteggiamento come questo, eppure non mi sento colpevole perché non considero Volevo solo averti accanto alla stessa stregua di altri lettori. Si tratta di una mia pretesa personale, oppure il romanzo di Balson non possiede quei requisiti adatti che non lo hanno reso ai miei occhi indimenticabile o bellissimo?
Un uomo e la sua segreta storia di tutto ciò che lo resero ciò che effettivamente è, un anima dannata ma contrita che entra nella lotteria della vita, che emana una luce intensa che tuttavia non cattura il cuore in una stretta ferrea. Piuttosto se lo lascia scappare. Un'analisi prettamente realistica su un secolo buio della Storia in cui c'è un invisibile linea di demarcazione sulla disuguaglianza, e dove l'ago del tempo oscilla perpetuamente sul passato, in un carosello di immagini vaghe e svariate.
Un romanzo che avrebbe potuto essere delizioso, possedere una sua anima, decantando le "bellezze" del passato e tutto ciò che ne conseguì. Una storia realmente esistita in cui ho avuto l'impressione che l'autore volesse creare qualcosa di grandioso, ma che alla fine possiede molta poca bellezza. Sfogliandone le pagine, infatti, ho compreso i motivi per cui in patria non è stato accolto nell'immediato e per cui, gli innumerevoli dinieghi editoriali, hanno costretto Balson ad auto pubblicarsi. Semplice e piuttosto schietto, una lettura che tuttavia si beve rapidamente come un sorso di tè. E, non facendo vibrare il cuore con una melodia tutta sua, non appassiona ne scalda l'animo come credevo in cui si perde il senno e i sensi ne procede verso l'estasi o la soddisfazione morale.

<< Non lasciarmi mai, aspettami. Non importa cosa abbiano in programma per noi questi mostri, io ci sarò per sempre. Non ti abbandonerò mai. >>

Valutazione d'inchiostro: 2

6 commenti:

  1. da una recensione super positiva ad una decisamente negativa, mi dispiace, è sempre una seccatura trovare libri deludenti!!
    spero che la tua prossima lettura sia più piacevole!

    RispondiElimina
  2. Che peccato che non ti sia piaciuto, eppure mi ispirava molto questo libro

    RispondiElimina
  3. So cosa si prova quando un libro su cui riponiamo tante aspettative ci delude. Mi dispiace perché la trama mi ha colpito molto, ma credo che il difetto più grande che possa avere un autore è non riuscire a dare un'anima ai suoi personaggi, a lasciare tutta la scrittura in superficie. Peccato, sarebbe stata sicuramente un'ottima lettura in caso contrario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per l'appunto, Maria. È dispiaciuto anche a me, ma talvolta tali delusioni aiutano ad aprirci gli occhi ☺

      Elimina