venerdì 24 luglio 2015

Gocce d'inchiostro: Un amore di carta - Jean Paul Didierlaurent

Buon pomeriggio, ragazzi! In questi ultimi giorni, sto divorando romanzi su romanzi come se fossero Nutella. Leggendo in silenzio quelle parole fluttuanti e sparse in mezzo ombre che si prendono in mano; immagini vaghe, sfocate e incomprensibili; personaggi privi d'identità; acute riflessioni sulla vita o profonde concezioni che trasmettono una certa malinconia. Sprofondata nel divano, con gli occhi che seguivano febbrilmente i caratteri stampati, nel cuore della notte, con la voce armoniosa di qualche protagonista disilluso o speranzoso la cui storia mitizzò le mie nottate
Protagonista di queste serate, Un amore di carta di Jean Paul Didierlaurent. Un romanzo molto carino. Semplice e, a modo suo, romantico.


Titolo: Un amore di carta
Autore: Jean Paul Didierlaurent
Prezzo: 15,00 €
Casa editrice: Rizzoli
Numero di pagine: 190
Trama: Guylain Vignolles è un invisibile, uno di quegli esseri solitari che nessuno nota. Lavora in una fabbrica di riciclaggio, al servizio di un'impietosa trituratrice di libri invenduti soprannominata "la Cosa". Nient'altro gli dà gioia, se non leggere a voce alta ogni mattina, sul solito treno delle 6:27, qualche pagina scelta a caso tra le poche che il giorno prima è riuscito a salvare dai denti d'acciaio dell'infernale macchinario. Questo fin da quando, un mattino sul treno trova una chiavetta USB. Rosso granata, che contiene il diario di una giovane donna: settantadue file scritti al computer da una certa Julie, signorina addetta ai bagni di un centro commerciale, pagine su pagine che irrompono come un diluvio nella sua vita sempre uguale. E dalle quali Guylain non saprà trovare riparo. Jean - Paul Didierlaurent ha scritto una storia d'amore al quadrato tra un uomo e una donna che si scoprono legati dalla passione per la lettura e ha dipinto un universo positivo nonostante tutto, perché sopra la coltre grigia di un'esistenza scandita da una routine desolante qualcosa c'è che solleva il cuore e apre lo sguardo: le parole, e le storie che le parole raccontano.

La recensione:


“Aggiungerò infine che da qualche tempo ho scoperto l'esistenza, su questo pianeta, di una creatura capace di far apparire i colori più vivi, le cose meno gravi, l'inverno meno duro, l'insopportabile più sopportabile, il bello più bello, il brutto meno brutto, insomma, di allietarmi la vita. Quella persona è lei, Julie.”

Quando arrivai, quella sulla destra della strada era una normale grande edificio dalle mura vecchie e ingrigite che si stagliava con uno strano profilo contro l'orizzonte. Due giorni dopo, quando presi famigliarità con questa piccola e solitaria strada, quella era un gigante di maschio, riversa sulle città a guardare il vuoto in alto. Si stanziava silenziosa come una sentinella e, lì, dalla mia prospettiva, potevo coglierne i particolari: troppo oscuro per vedere le luci fievoli espandersi verso l'alto del soffitto; troppo in tema sui romanzi il senso di solitudine di anime che lentamente entrano nella lotteria della vita; troppo silenzioso perché si registrino rumori o strani suoni. C'è un uomo, tuttavia, che ogni mattina, fra ingranaggi e pressi, a una macchina infernale che tritura, macina, sputa e schizza, dà in pasto grossi volumi rilegati.
La sua storia era stato quel posto incantato cui avevo fatto perdere volontariamente le mie tracce: il più insolito, interessante nella sua particolarità, il più visivo e tranquillo in cui io sia mai stata. Ma che non avevo mai visitato, credendo di non trovare quello che ci ho trovato io, perché ognuno fa di ogni cosa - un posto, una persona, un avvenimento - quello che vuole, quello di cui, in quel momento, ha bisogno. E solo la fantasia, densa come rugiada in cui la realtà è una sorpresa noiosa e impolverata, aiuta a "vedere".

La sua storia, avvolta da una cortina di mistero, solitudine, drammaticità, era in mezzo a una grande e immensa passione di molti individui, la lettura, punteggiata qua e là da squarci di vita comune. Già queste due combinazioni inducevano una felicità imprecisata. Un blocco di fogli pressati, su cui giornalmente passava una macchina, un lettore e il suo amore per i romanzi, insegue illusioni e speranze vane; gruppi di anziani che, vecchi ma arzilli, si addentrano senza posa fra i vicoli di una storia, tutte uguali a se stesse a un palmo dalla realtà, pelli vive da cui attingere il nettare della conoscenza, carichi di una qualche misteriosa forza. Pagine per raccontarsi, e magari avventurarsi là dove le emozioni non si sono ancora avventurate. Poco importa di cosa dice il testo; l'importante è saper snocciolare, con meticolosità e zelo, e dare vita a una magia. E purché questa magia si realizzi è necessario aprire una piccola finestra virtuale. Affacciarsi, e poter così immergersi in storie che trasudano romanticismo sciropposo, o mancate storie d'amore. Vivendole con coraggio, orgoglio e sorriso.
Un amore di carta ha un po' di questa magia nascosta, e l'ho cercata come storie che vanno alla ricerca di altre storie. Come mezzo di allontanamento dalla vita, dalla routine, attingendo a emozioni che si agitavano dentro e cui ho riversato in quel contenitore imperfetto che è la scrittura. Per comporre una canzone che rispondesse alla mia anima di lettrice, per lasciare che le parole mi sorprendessero e m'inducessero a provare quell'eccitazione indefinibile che prende quando mi si aggrapparono sulle spalle.
Quella di Didierlaurent è un esordio che nasce e giunge rapidamente a piena maturazione e che, nonostante non abbia riscontrato quella bellissima e particolare "vicinanza" che danno alcune storie quando parlano di romanzi, è una bella proiezione visiva del desiderio di due anime, che avranno poi l'opportunità di riunirsi. Un amore impossibile da dissipare, una dolcezza velata di tristezza e sentimentalismo che va a cercare emozioni nascoste nel più intimo dell'essere. La storia di due giovani, accomunati dalla passione per la lettura, soli e un po' incompresi che rinnegano se stessi, pur di restare intrappolati in un luogo sconosciuto. Una boccata d'aria strappata dalla monotonia del giorno.
Un amore di carta ha la brevità dei racconti, ma il sentimentalismo tipico delle storie d'amore belle e tormentate. Una fiaba semplice ma emozionante, che ci parla di romanzi. Conosce la malinconia, la morte, il languore e il dolore di chi è solo, che mi ha trasmesso un po' di malinconia in cui persino l'amore sconsiderato per la lettura è poco efficace dinanzi alla sorpresa tediosa della realtà.

Valutazione d'inchiostro: 3 e mezzo

Nessun commento:

Posta un commento