martedì 23 ottobre 2018

Gocce d'inchiostro: Suite francese - Irene Nèmirovsky

Un riflesso pervinca e argento ha sfiorato le strade, i parapetti lungo la senna, le torri di Notre Dame, in uno scenario fantastico, quasi surreale, costellato da momenti di angoscia, voci lente e rauche intonate da qualcosa di grosso e potente. Parigi ha avuto in tutto questo uno scenario luminoso ma angosciante, con i suoi profumi dolci, gli ippocastani in fiore, e nell'aria o nel silenzio un angoscia tattile.
Un posto in cui è stato possibile sentire palpitare l'anima di un paese che si affanna a rincorrere la beatitudine eterna, rughe che ricordano uomini e donne che si affannano ad amare sempre più il suolo con cui si è cresciuti. E in mezzo a tutto questo il brivido religioso di un anima, la cui voce è sprigionata dalla solitudine, dalle tenebre, che sovrasta ogni cosa e che con romanticismo e drammaticità condivide ciò che la sua coscienza si portava addosso.




Titolo: Suite francese
Autore: Irene Nèmirovsky
Casa editrice: Newton & Compton
Prezzo: 4, 90 €
N° di pagine: 415
Trama: Nei mesi che precedettero il suo arresto e la deportazione ad Auschwitz, Irène Nèmirovsky compose febbrilmente i primi due romanzi di una grande "sinfonia in cinque movimenti" che doveva narrare, quasi in presa diretta, il destino di una nazione, la Francia, sotto l'occupazione nazista.

La recensione:

Il male è visibile, brucia, fa mostra di sé e se ne compiace agli occhi di tutti. Uno solo ha contato i sacrifici, misurato il sangue versato e il pianto.

In una Parigi addormentata, eccezionalmente morbosa e folle, in mezzo a una nebbia artificiale che scende sulla città come pioggia di cenere, una berlina tirata a lucido è ancora ferma davanti a un grande palazzo.
Nel cielo, le prime stelle di primavera dal riflesso argentato, scintillano fulgide e lucenti. Il profumo dolce degli ippocastani in fiore comincia a espandersi come un pericolo crescente; nell'ombra, nell'aria e nel silenzio, si respira una certa angoscia.
In questa confusa e mortale apprensione, che non riescono a evitare persino le persone più fredde, quelle più generalmente tranquille, unita a quella di queste figure evanescenti che camminano sulla scena, la più bestiale prova di idiozia della razza terreste, così silenziosa e ambiziosa, si fa strada con vigore e intensità sull'asfalto polveroso di una terra così traboccante d'interesse.
La sua forza, così efficace quanto un castigo inflitto, avanza nei cuori dei presenti attraverso conturbamenti morali e previsioni di ogni sua mossa, gettando una certa inquietudine fra masse di carni instabili e maldestre, entità create altrove.. nel momento in cui un viaggiatore decide di partire, a bordo di una nave la cui meta è ancora sconosciuta.
Fra provocazioni di crisi d'angoscia, distruzioni, esplosioni di odio o perfidia, brutali incomprensioni, in una città circondata dall'incoerenza e dalla ripugnanza, con gli stessi colori dell'inferno, un ambiziosa regista francese, col suo diario, creò un montaggio di scene attraverso il quale ci fece conoscere il suo punto di vista personale. Inoltrandoci in una sequela di fotogrammi, brevi e repentini, sequenze d'immagini nitide e colorate che, come uno scrittore allestisce con le parole i burattini del suo teatro letterario, da una parte muove i fili legando gli interessi individuali, nell'altra gruppi di anime attorniate nel palcoscenico artificiale della vita che combattono per amore, coraggio e fede, evocando un lutto interiore, ribellioni famigliari - vecchie ruggini che io ignoravo completamente. Il suo nome: Iréne Némirovski. Una coraggiosa ebrea francese deportata ad Auschwitz. Una giovane combattente che, nelle sue celeberrime opere, promulgò importanti temi quali: la libertà, il distacco dalle masse e lo spirito comunitario.
In un paesaggio di tranquilla apocalisse, disabitato anche se apparentemente intatto, come dopo il passaggio di uno tsunami, come un diavolo tentatore e furbo, attira involontariamente l'attenzione di chi legge, per la forza, la semplicità con cui descrive la guerra come conseguenza della paura. La sconfitta o la pace attuale, dettata dai francesi a compiere certe azioni come un attonito stupore di quello che si prova dopo un brutto sogno. E il suo bisogno di comprendere gli esseri umani: la morte che, con le sue enormi ali spiegate e lo sguardo rapace dardeggiante, puntato su una lunga fila di insetti neri che strisciano lungo la strada senza alcuna via di salvezza.
L'eco di ogni sua parola attira l'attenzione proprio perché sollecita, e la sua operosità procede con lo scandirsi dell'orologio della vita: il suo romanzo, macchiato di sangue e polvere da sparo, ci parla di anime vagabonde che assistono allo spettacolo ripugnate della guerra. Oppressi dalla volgarità e banalità del mondo circostante. Impazienti di fuggire, intrattabili a sopportare questo disordine. Infelici, vengono avvicinati con dolcezza, con volontà, ma con moti di freddezza e ripugnanza - senza alcun impulso d'amore o un palpito divino che persino i peccatori più abietti aspirano. Figli macchiati dal peccato che non possiedono nemmeno la forza spirituale per elevarsi alla luce; non la percepiscono, non la desiderano ne hanno alcuna nostalgia. Osservano una tela dipinta d'azzurro mutarsi d'argento o grigio al colore della pioggia.
In un toccante viaggio nella Francia nazista, col suo stile sentimentale e romantico, la Némirovski non nasconde il forte risentimento nei riguardi dei suoi figli di penna e, come un alacre studentessa che si appresta a raccogliere nozioni o paradigmi, trattiene il lettore in una stretta ferrea. Sorvola nei tetti di campagna, verso un piccolo paesino francese, a bordo di una vettura diretta in un Paradiso mancato. Una zona dimenticata persino da Dio, illesa da simile torture.
Così triste da non riuscire a non provare altro sentimento, Suite francese è una lettura logorante, la cui melodia mi ha permesso di assistere all'avanzata di queste ombre verso l'oscuro baratro della disperazione: la percezione della guerra, causa di molte conseguenze e complesso di atrocità che appartennero solo a loro e a nessun altro.
Spietata e inclemente, li ha spinti a pregare in un Dio che gli potesse donare la felicità - senza aspettare la morte o la resurrezione. Con brutalità ha spalancato una finestra che ha fatto luce su un mondo circondato da una pesante coltre nera. La speranza, l'amore, la salvezza divengono parte dell'anima di uomini che non hanno mai saputo cosa voglia dire vivere. Abbozzate in un diario, vergate con una penna a sfera sul lucido legno di una scrivania.
Suite francese è quel genere di storia che ho ascoltato con un certo fascino, constatando quanto ci sia di terribile fra le sue pagine, che tuttavia resta solo sullo sfondo, ai bordi dell'anima del romanzo. Un tributo oltraggiante e dannoso che rende quasi ingiustificati a rinfacciare a denti stretti coloro che l'hanno offerto.

Tutte le lacrime del mondo sarebbero inutili. Ci saranno giorni migliori, e dobbiamo vivere per vederli, prima di tutto dobbiamo vivere … resistere.

Valutazione d'inchiostro: 4

10 commenti:

  1. Ciao Gresi, non ho letto il libro ma ho visto il film e ricordo che mi era piaciuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una lettura alquanto particolare e difficile, ma a me è piaciuta molto. E sono dell'idea che almeno una volta nella vita la si dovrebbe leggere ☺☺

      Elimina
  2. L'ho letto anche io, qualche tempo fa. Un libro particolare, che di sicuro ti lascia addosso molte perplessità. Il finale in particolare, che non è voluto, ma un caso che in tutti i sensi ti porta alla tragicità di quel preciso momento storico. Una vita, più che un libro, e una storia, che come hai detto tu, merita di esser letta. Un abbraccio :*

    RispondiElimina
  3. Questo è un libro che vorrei leggere tra non molto tempo, l'ho in wishlist già da un po' e mi incuriosisce tanto. Grazie per la tua recensione, così poetica e convincente! :)

    RispondiElimina
  4. questo libro mi ha incuriosito quando l'ho scoperto all'uscita del film ma non l'ho ancora letto. Mi hai ulteriormente ispirata.

    PS Ti ho nominata qui https://lalettricesullenuvole.blogspot.com/2018/10/book-tag-my-world-award-2018.html

    RispondiElimina
  5. Io ho letto solo Due di Irene Nèmirovsky e non mi era piaciuto tantissimo.
    Sono titubante, ho sentito parlare bene di suite francese ma dopo due ... devo pensarci su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come si può dedurre dal mio voto, a me Suite francese è piaciuto. Due non l'ho ancora letto, ma mi piacerebbe leggerlo. E a questo proposito ti consiglierei di leggerlo :)

      Elimina