mercoledì 27 luglio 2016

Gocce d'inchiostro: La sposa giovane - Alessandro Baricco

Titolo: La sposa giovane
Autore: Alessando Baricco
Casa editrice: Feltrinelli
Prezzo: 17€
N° di pagine: 183
Trama: Siamo all'inizio del secolo scorso. La promessa sposa è giovane, arriva da lontano, e la famiglia la accoglie, quasi distrattamente, nella elegante residenza fuori città. Il figlio non c'è, è lontano, a curare gli affari della prospera azienda tessile. Manda doni ingombranti. E la sposa lo attende dentro le intatte e rituali abitudini della casa, soprattutto le ricche colazioni senza fine. C'è in queste ore diurne un'eccitazione, una gioia, un brio direttamente proporzionale all'ansia, allo spasimo delle ore notturne, che, così vuole la leggenda, sono quelle in cui, nel corso di più generazioni, uomini e donne della famiglia hanno continuato a morire. Il maggiordomo Modesto si aggira, esatto, a garantire i ritmi della comunità. Lo zio agisce e delibera dietro il velo di un sonno che non lo abbandona neppure durante le partite di tennis. Il padre, mite e fermo, scende in città tutti i giovedì. La figlia combatte contro l'incubo della notte. La madre vive nell'aura della sua bellezza mitologica. Tutto sembra convergere intorno all'attesa del figlio. E in quell'attesa tutti i personaggi cercano di salvarsi.

La recensione:

In ogni dettaglio, quel che avevo fatto in quelle ore - e ascoltato, e detto e visto - stava insegnandomi che sono i corpi a dettare la vita - tutto il resto è una conseguenza.

Se n'è andata con bellezza, con grazia, senza neanche voltarsi a salutare questa imperscrutabile eroina letteraria, ho pensato guardando questa giovane ed elegante sposa attraversare la mia orbita come una meteora incandescente. Mi è piaciuta sin dal primo momento. Chissà quante notti Baricco avrà dovuto passare insonne per partorire una simile creatura! Chissà quanto ci sia stato di vero in quello che ho letto. Scrivere di lei non dovrà essere stato facile. Trovare la lucidità pur di tramandare con una certa prudenza è un'impresa davvero ardua. Una illogica leggerezza, che ho registrato quasi in uno stato comatoso, in qualsiasi accadimento o parola, pervase il mio animo. La magica sensazione di provenire da altrove, fu tutto ciò a cui potei ricavare una certa lucidità. Una singolarità su certe cose.
Rimetto a posto i miei pensieri e in ordine alfabetico le nozioni che ho appreso dalla lettura di questo romanzo. Ma pur quanto io mi sia forzata la mia mente rimase immobile, incapace di formulare frasi, infilare la via stretta dei pensieri. Avrei voluto domandarmi cosa mi era appartenuto dopo questo giorno di racconti. Eppure, se ci penso su per un istante, è che non ho mai avvertito così tanto silenzio. Non aveva mai martellato nelle mie orecchie, ne indurmi a pensare come poteva esserci. Incredibilmente, un convoglio di storie cercavano di farsi strada premendo contro la colonna composta da un autore che quando scrive cerca la vita. Io, lettrice, non ho potuto fare a meno di rimanere ammaliata dalla sua stranezza. Solitamente mi rifugio in storie che abbiano la capacità di essere raccontate o mi aggrappo a speranze o illusioni che, nel silenzio delle mie nottate, illuminano i corridoi bui della mia anima. Un accostamento con il mio animo di lettrice e quello dell'autore, molto più di quel che può sembrare: l'anima di chi legge che combacia perfettamente con quella di chi scrive. E, mentre leggevo, mi sentivo completa. Contenta. Un avventuriera sfuggita dal suo secolo e dal suo tempo alla ricerca…alla ricerca di qualcosa. Lì dove posso finalmente essere me stessa. Riconoscere qualcosa che credevo perduto.
Concludere un romanzo come La sposa giovane, la cui lettura mi ha entusiasmato sin dalle prime pagine, a avuto un effetto avvero sconvolgente. Nonostante mi abbia lasciato una strana sensazione, nonostante questa storia sia stata raccontata come una sorta di confessione. Una necessità a ricorrere a palliativi. Distraendo da ciò che ci circonda, dedicandomi con dedizione. E probabilmente quello che si vuole scrivere lo si ha già saldamente ancorato a noi stessi. Tuttavia fatica a uscire, come un omino che si è andato a nascondere in qualche stanza segreta. Sappiamo che si nasconde laggiù, ma finché non viene fuori, è impossibile acchiapparlo. Attraverso la scrittura siamo consapevoli che non esiste nulla che resta chiuso ermeticamente nel cuore di una persona. Quando si pongono delle speranze, il cuore prende una strada tutta sua. E quando le speranze vengono tradite, si cade nella disperazione, nello sconforto, che generano impotenza. Lo spirito comincia a incrinarsi, e si abbassa la guardia.
Come con Castelli di rabbia, anche con La sposa giovane avevo l'impressione accadesse qualcosa di simile. Camminando lungo i corridoi bui della mia anima, aprendo uno dopo l'altro finestre su mondi oscuri e difficili da comprendere cui pensavo di aver voltato le spalle, ogni volta che una nuova storia mi si spalanca davanti, i brutti o bei ricordi che mi porto dietro dal mondo reale cominciano a prendere una loro forma. Quest'ennesima opera di uno dei miei scrittori preferiti ha funto come nascondiglio segreto e legittimo e infinitamente oscuro in cui ho fatto perdere volontariamente le mie tracce, in cui hanno predominato un numero spropositato di immagini che hanno preso vita nel momento in cui mi si sono affacciate alla vita. A un numero spropositato di eventi che non hanno una direzione e dunque non storie, impossibili da raccontare, ma enigmi senza forza destinati a confondere.
Il mondo che sembra aver perso il centro della realtà. I colori naturali, ma con i dettagli sgraziati. Il flusso insinuoso del tempo che risulta difficile collocare nella pisce umana, in un epoca lontana anni luce alla nostra, in cui si riesce a "vedere" ma non avvertire. Acute riflessioni sulla vita, annotazioni sintetiche, quasi telegrafiche, che testimoniano una mente consapevole della natura articolata e pluralistica del mistero della psiche umana. Profonde concezioni che trasmettono una certa malinconia, e che dilagano su diversi fronti. Una storia ammaliante, semplice ma profonda che ha troppe segreti dentro per trovarne anche uno.
E' in questi momenti che, come spesso mi succede quando assisto a fenomeni che vanno al di là dell'intelletto - quando il mondo si esibisce in sinfonie particolarmente complesse, che non sempre riesco a interpretare del tutto - scandito con ipnotica attenzione a ciò che ci viene velato, con l'anima divorata da una sottilissima e febbricitante curiosità.
Creando una sequela di immagini poco chiare, talvolta meravigliose che generano stupore, grumi di cose perdute o cancellate che non riescono tuttavia ad arrivare negli occhi, quello che si avverte fra le pagine di La sposa giovane è un ardente brama lussuriosa dell'essere. Il risultato è una verità inconfutabile: il lettore si porta dentro lo spirito dell'autore che, per tutto il tempo, ci racconta di come sia dilaniato dalla sofferenza, dalle paure, e soprattutto da una storia che non ha mai avuto un inizio ma ricca di mille colori. Un narratore che riposa nelle viscere dell'umile Modesto, che trasmette il suo dolore parlandoci con una certa stanchezza, e che riesce a far trapelare mediante spezzoni di storie. La provenienza i questo sentimento penso derivi da qualcosa di personale; dalla potenza di un emozione o magari proprio dalla bellezza con cui Baricco si serve per raccontarci ciò che lo sopraffece. Evidentemente, il disvelamento di una tenebra e tutta la luce che ne è venuta fuori aveva destato il suo interesse. E nel suo silenzio le parole sgorgarono dalla sua penna colmando questi buchi neri della sua coscienza.
Un romanzo per nulla semplice da assimilare, il racconto di una giovane donna, sola e infelice, legata insolubilmente da un uomo che, nel loro idillio, mi hanno conquistato. Un omaggio alla libertà d'espressione e d'azione di cui Baricco ci parla come in un lungo sonno, in cui l'idea stessa di destino è una fantasia. Una favola per giustificare le proprie viltà.
Valutazione d'inchiostro: 4

4 commenti:

  1. Ciao Gresi, di Baricco ho letto "Novecento" e "Oceano mare", ma ho fatto un po' fatica a seguire il filo della sua narrazione, soprattutto nel secondo romanzo. Questo non l'ho letto, da una parte mi intriga per la trama, dall'altra temo il suo stile che non apprezzo particolarmente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel! Baricco è un autore che non a tutti piace. Eppure a me le sue storie mi affascinano sempre e davvero molto :) anche a me non mi ha particolarmente entusiasmata Novecento, nonostante lo abbia letto più di una volta. Ti consiglio comunque Mr Gwyn e Castelli di rabbia :) magari potrebbero piacerti ;)

      Elimina
  2. Sono anni che non leggo Baricco, Novecento, City e Questa storia mi sono piaciuti molto, Oceano mare e Seta un po' meno, ma dovrei recuperare qualcosa di più recente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baricco, come dicevo ad Ariel, é un autore che o lo si ama o lo si odia. A me piace, nonostante talvolta non mi abbia pienamente soddisfatta. Oceano mare non mi ha convinto molto nemmeno a me, ma se sei curiosa di leggere qualcos'altro di suo ti consiglierei Castelli di rabbia :) Forse potrebbe piacerti ;)

      Elimina