domenica 15 maggio 2016

Amori di carta: Nicholas Sparks

E' trascorso un mese dall'ultimo appuntamento della mia amata rubrica Amori di carta. Trenta giorni da quando, in una mite serata di metà aprile, ho sentito delle voci conosciute fra gli scaffali della mia libreria e, guardandomi attorno, constatato quanta bellezza celano talvolta le parole. Siamo completamente assorti dalla storia, ammaliati dalla presenza di forti e avveniente personaggi che pensiamo alle parole come semplici caratteri stampati. Eppure la loro bellezza dipende dal fatto che vivono ancor prima di nascere. Briciole vive dell'anima di scrittori frustrati, soli, disillusi, romantici, sognatori.
Le parole volano, i pensieri rimangono a terra. Parole senza pensieri non giungono al cielo ed ecco che, come con Murakami Haruki, un altro autore, con il suo lirismo magico, il suo canto ipnotico, mi perforò da dentro. Il suo nome? Nicholas Sparks. Poeta dell'amore contemporaneo. Abile lettore del cuore umano. Scrittore per caso, marito, padre. Viaggiatore inghiottito nell'immensità del cosmo le cui opere, imbevute di romanticismo e una buona dose di drammaticità, segnarono le tappe più insidiose del mio cammino. Lasciandomi cullare dalle braccia di questi personaggi, strisciando fra cielo e terra con la rapidità di un bacio.


Una storia comune, a tratti cruenta e realistica che non riesce a penetrare, membrana dopo membrana, nei cuori di chi legge. Tuttavia ci permette di osservare l'incredibile sete di vita di personaggi che, dalla soffitta impolverata delle loro anime, osservano la clessidra del tempo scorrere come in un palmo di una mano.

Con un finale bello e positivo, pieno di speranza e ottimismo, una lettura semplice e veloce che tuttavia non regala momenti di ansia o batticuore. Non attrae o ammaglia come in altri suoi romanzi, ma cela al suo interno un messaggio piuttosto significativo: le decisioni, spesso le più difficili, possono essere l'inizio di un viaggio straordinario.

Affascinante, trascinante. Una lettura che si divora in un solo boccone, poiché il nostro bisogno d'immergersi tra le sue pagine diviene quasi impossibile da scacciare.

Pagine che palpitano, in cui possiamo riconoscere un pezzo di noi stessi, scovare così a fondo i sentimenti degli esseri umani, di cui Sparks dà qui l'ennesima conferma della sua straordinaria sensibilità e bravura.

L'ennesima dichiarazione d'amore di due giovani che apparentemente non possiedono nulla in comune e la cui storia riesce a districarsi perfettamente tra esperienze e generazioni diverse, tra presente e passato.

Racconto dove il sentimento amoroso viene esplicato ed enfatizzato mediante poesia. Non indugia sui grandi gesti, ma solo sul desiderio dei protagonisti di poter ritrovare, dinanzi alle tante avversità riscontrare, un barlume di speranza.

Un viaggio appassionante, ma sofferente. Un romanzo che avrebbe potuto essere meraviglioso, che ci parla di anime inquiete e insoddisfatte che inconsapevolmente entrano nella lotteria della vita.

Una storia che esercita uno strano fascino. Romantico, memorabile, con un linguaggio che sostituisce le parole. Combina il piacere della vita a quello di viverla in prima persona.

Sensibile, delicato, tragico, appassionato, struggente come un poema romantico. Terribilmente emozionante, dolorosamente sentito.

Una tela dipinta con una vastità di colori, un frammento della vita di due innamorati che attraverso l'amore riscoprono la libertà. La voglia di vivere.

Un romanzo che incanta e seduce. Attrae a seconda del tipo di storia che il nostro cuore desidera vivere, che accoglie un numero definito di personaggi che, in una manciata di pagine, finiranno per raccontarsi.

La storia di un amore di chi sa già di essere condannato, con in sottofondo il debole fragore dell'oceano del tempo che restituisce spesso i ricordi seppelliti.


Una storia che crea dipendenza, struggimento. Un quadro raffinato che sa di amore, fede e fiducia che, così come la letteratura, riesce a dar voce a chi non ha voce.

Un opera che evoca qualcosa di speciale. Un altro tempo, un altro luogo, o una particolare dimensione della mente in cui ci si perde completamente.

 Un opera che trasmette una certa tranquillità. Un altra storia, un altro sentimento, in cui nonostante tutto è possibile perdersi completamente fra le sue pagine.

8 commenti:

  1. Non ho mai letto un libro di Sparks, però ho visto due film tratti dai suoi libri e mi sono piaciuti tantissimo.
    Ti ho nominata per il Liebster award qui http://librialcaffe.blogspot.it/2016/05/liebster-award-2016-discover-new-blogs.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se le trasposizioni cinematografiche ti sono piaciute, spero ti piaceranno anche i suoi romanzi ;)
      Grazie! Vado a dare un'occhiata :)

      Elimina
  2. Non ho mai letto questo autore e non ho visto neppure i film tratti dai suoi libri, anche perché sono piuttosto sensibile a certe tematiche e sono certa che mi prosciugherei a furia di piangere, ma prima o poi farò un tentativo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be, Beth non tutti inducono al pianto XD però ti consiglierei di buttarti. Magari potrebbe piacerti ;)

      Elimina
  3. Sparks, me lo chiedono spesso in libreria. Ti aspetto da me, vorrei una tua opinione! Grazie

    RispondiElimina
  4. Ciao Gresi!
    Ammetto di non aver mai letto nulla di sparks. Ho visto però alcuni dei suoi film e ho deciso che non fanno per me.. Sono troppo tristi e con un finale non sempre a lieto fine :( però ho letto tutto il tuo post e posso dire che le tue parole sono state bellissime, ammalianti e intense! :)
    Continua a scrivere così, mi raccomando! ;)

    RispondiElimina
  5. Ciao Erin!! Ma grazie mille :)
    Sparks é un autore che non tutti amano. Io devo dire che mi piacciono molto le sue storie, anche se qualcuna non mi ha soddisfatto per come speravo! :)
    Grazie mille!! A presto :)

    RispondiElimina